Roma, Garcia: "Siamo favoriti, ma dobbiamo dimostrare di essere all'altezza"

Il tecnico presenta la gara in programma domani alle 18. Occasione, dal primo minuto, per Francesco Totti.

Roma, Garcia: "Siamo favoriti, ma dobbiamo dimostrare di essere all'altezza"
Roma, Garcia:

La Roma riparte dal Frosinone e da una trasferta ricca di insidie, perché posta nel mezzo di un cammino altisonante. Alle spalle il successo con la Juventus, il biglietto da visita per la lotta al titolo, all'orizzonte il mostro europeo, il duello con Messi e i marziani blaugrana. La terza di A rischia di passare inosservata e porta in dote pericoli insospettabili dato il differente status delle due squadre in campo. 

Così il tecnico "La gara più importante è la prossima, conta solo questa. È bastato dire questa frase ai giocatori per preparare la partita. La Roma deve giocare domani come contro la Juve".

Una Roma camaleontica. Garcia pone un unico paletto, difensivo, ma apre a possibili ribaltoni dalla mediana in avanti. Schieramento a quattro a protezione del portiere di turno, poi spazio all'improvvisazione, tante le frecce all'arco, tante le variabili da considerare. 

"Per me non c'è una squadra tipo, abbiamo 7 gare in 3 settimane e avrò bisogno di tutti. Possiamo cambiare modulo a centrocampo e in attacco, non in difesa, che per me è sempre a 4. Voglio che i giocatori siano tutti svegli, sono pronti a giocare anche con un modulo diverso".

"Quest'anno non c'è un numero 1, sia De Sanctis sia Szczesny meritano di giocare, quindi non posso dire chi sarà in campo".

Parole al miele anche per i prossimi avversari. Il Frosinone paga l'approccio con la massima serie, ma porta in dote la splendida cavalcata in B. L'obiettivo, per i ragazzi di Stellone, è quello di sfruttare l'ambiente casalingo per cancellare lo zero in classifica. 

"Dobbiamo giocare al 100% con ritmi alti come contro la Juventus perché il Frosinone gioca bene e ha meritato la promozione in Serie A. Avranno tanto entusiasmo, noi dovremo essere al massimo per vincere e li rispettiamo. Siamo favoriti, ma dobbiamo dimostrare di essere all'altezza".

Nessun accenno all'undici titolare. Garcia dispone di giocatori duttili, in grado di occupare differenti zone di campo. Florenzi si disimpegna con costanza sull'out di destra, De Rossi può oscillare tra difesa e centrocampo, Totti può affiancare Dzeko. Un mercato ricco, completato dalle caratteristiche dei presenti in rosa, da qui l'ottimismo del tecnico. 

"Chi è convocato è pronto per giocare, non mi piace parlare degli assenti".

"Se penso che manca qualcosa in alcuni reparti provo a trovare soluzioni alternative. De Rossi può giocare ad alti livelli come difensore centrale, Florenzi invece sta facendo benissimo come terzino, ma non avevo dubbi. Lo abbiamo aiutato anche con dei video, lui ci mette tanto entusiasmo e disponibilità. Adesso devo lasciare il tempo ai nuovi arrivati di adattarsi alla squadra. Ma io sono contento della mia rosa anche perché la filosofia di gioco della Roma è sempre la stessa. Ho tante soluzioni, Digne l'ho visto bene con Iago, Totti con Gervinho... Ci sono dei calciatori che hanno un bel feeling, ma stiamo provando davvero tante cose diverse".