Roma, ancora sirene inglesi: Mourinho e lo United puntano Manolas

L'allenatore portoghese avrebbe individuato nel greco il tassello principale per rifondare la difesa dei Red Devils: 40 i milioni pronti per il centrale della Roma, che trema all'idea di perdere un pilastro della propria retroguardia. Questi gli scenari.

Roma, ancora sirene inglesi: Mourinho e lo United puntano Manolas
Roma, ancora sirene inglesi: Mourinho e lo United puntano Manolas

Sirene inglesi, ancora una volta, nella capitale. Se nei giorni scorsi era toccato Nainggolan e Rudiger essere accostati al Chelsea di Antonio Conte, stavolta è il turno di Kostas Manolas, obiettivo di mercato del Manchester United che ripartirà la prossima stagione da Josè Mourinho. Il plurititolato allenatore portoghese busserà, o almeno così si presume, alla porta della Roma, avendo individuato nel perno della squadra giallorossa e della difesa della Grecia l'uomo giusto per rifondare la retroguardia dei suoi Red Devils.

Grinta e cattiveria agonistia fuori dal comune, abbinate a tecnica e velocità: questo il biglietto da visita di Manolas, che ha stregato l'ex allenatore di Inter e Chelsea, pronto a fare follie per accaparrarsi l'ex centrale dell'Olympiacos. Mourinho sembra aver messo in cantiere un gruzzolo di circa quaranta milioni per far vacillare le resistenze della compagine capitolina, che al netto delle difficoltà di reparto viste in stagione, potrebbe avere la necessità di sacrificare una pedina in favore di un rafforzamento globale della rosa. 

Offerta non indifferente, che qualora venisse ufficializzata verrà presa, per forza di cose, in serissima considerazione. A margine di queste ultime, però, c'è da risolvere il nodo che si lega ad una clausola presente sul contratto del greco: al momento di stipulare l'accordo con la Roma, infatti, l'Olympiacos ha strappato una percentuale ai giallorossi su una futura vendita, che sembra addirittura essere del 50%. Tuttavia, secondo quanto riportato da Sky Sport, quest'ultima non dovrebbe rappresentare un problema insormontabile, con un accordo che potrebbe trovarsi repentinamente. 

La palla, adesso, passa alla dirigenza della Roma, che deve decidere se il sacrificio di Manolas sia quello giusto oppure no. Decisione non facile, ovviamente, che passerà anche tra le sapienti mani di Luciano Spalletti. Il tecnico di Certaldo ha investito tanto sul baluardo greco e perdere il punto cardine della sua retroguardia di certo non rappresenterebbe una buona base di partenza in vista della prossima stagione. L'effetto Mourinho incombe sul futuro di Manolas e della Roma: difficile dire di no ad un'offerta del genere, ma la forza di una squadra la si vede anche da questi rifiuti.