Roma, Spalletti vara l'undici anti-Crotone

Scalpita Totti, fuori Vermaelen, Paredes per De Rossi?

Roma, Spalletti vara l'undici anti-Crotone
Roma, Spalletti vara l'undici anti-Crotone

La sconfitta al tramonto con la Fiorentina - rasoiata di Badelj a baciare il palo interno e palla all'angolo opposto - complica l'avvicinamento di Spalletti e della Roma al turno infrasettimanale. Il tecnico lamenta l'inadeguatezza dell'operato arbitrale, ma sa di non poter concedere ulteriore vantaggio a Napoli e Juventus. Dopo l'opaca esibizione europea e la caduta al Franchi, occorre invertire la rotta, ritrovare entusiasmo e vittoria. 

I maggiori problemi - per la Roma - nel settore di difesa. Vermaelen convive da mesi con fastidi agli adduttori della coscia sinistra. Il centrale non è a disposizione, conferma quindi per la linea anti-Fiorentina, con Fazio saldamente avanti, nelle gerarchie di Spalletti, a Juan Jesus, titubante in questo primo scorcio in giallorosso. Mario Rui è ancora in infermeria, Rudiger si avvicina al rientro a piccoli passi. Poche quindi le alternative. Solo a sinistra Spalletti può valutare un avvicendamento tra Peres ed Emerson. A destra Florenzi. 

In mediana, possibile turno di riposo per De Rossi. Scalpita Paredes, occasione per il giovane talento di casa Roma per mettere esperienza e minuti nella gambe, grazie alla "protezione" di Strootman - in netta ascesa - e Nainggolan.

La Gds rilancia - per il settore offensivo - la candidatura di Totti, difficile però ipotizzare un impiego del capitano all'alba di partita. Plausibile l'ingresso nella ripresa, per gestire il vantaggio o avviare la rincorsa. Chance, invece, per El Shaarawy. Dopo la scorpacciata della scorsa stagione, avvio in chiaroscuro per il Faraone, costantemente all'ombra dei compagni di reparto. La Roma - in una stagione ricca di impegni - non può permettersi di rinunciare alle sgroppate dell'azzurro, d'obbligo quindi ritrovarlo ai massimi livelli. Nell'undici anti-Crotone, El Shaarawy prende il posto di Perotti, con Salah sulla destra. 

Da non sottovalutare nemmeno l'impiego della fanteria leggera, con Dzeko in panchina e Perotti da falso nove, in sostanza lo schieramento più produttivo dell'annata in archivio. 

Questo il probabile undici: