La Roma pesca il Villarreal, i commenti di Tempestilli

Le opinioni a caldo del dirigente giallorosso dopo il sorteggio di Europa League.

La Roma pesca il Villarreal, i commenti di Tempestilli
Antonio Tempestilli. Fonte immagine: Forzaroma.info

Poteva andare meglio il pranzo della Roma, la quale ha scoperto l'avversario nei sedicesimi di Europa League 2016/17. I giallorossi sfideranno una squadra ostica come il Villarreal in una sfida che potrebbe tranquillamente considerarsi una semifinale anticipata, visto che entrambe sono forti candidate per la vittoria finale. Antonio Tempestilli, dirigente della Roma oggi presente a Nyon, ha commentato il sorteggio ai microfoni di Sky Sport: "Affronteremo una squadra esperta a livello internazionale e non sarà facile, ma anche noi abbiamo le nostre carte da giocare e dobbiamo pensare che gli altri ci temono. Ogni partita fa storià a sé, noi dobbiamo crescere per essere competitivi e migliorare ogni anno".

Il sottomarino giallo è stato già giustiziere del Napoli nella scorsa edizione del torneo, sempre ai sedicesimi. Come i partenopei l'anno scorso, i giallorossi quest'anno partono con la voglia di arrivare fino in fondo: "Credo che una squadra come la nostra debba sempre porsi degli obiettivi e centrarli tutti. Ci sono anche altre squadre, ma noi siamo strutturati per poter fare bene e cercheremo di arrivare fino in fondo".

Insidie dentro al campo, insidie fuori: la doppia sfida si disputerà tra il 16 e il 23 febbraio 2017, periodo in cui Salah non sarà probabilmente a dispoisizione causa riposo post Coppa d'Africa: "Se c'è da intervenire, la società ci penserà - afferma Tempestilli, riguardo al mercato - La perdita di Salah sarà importante perchè è fondamentale per la squadra, ma ce ne sono tanti altri, poi vedremo come il mister sistemerà la squadra".

La testa è però anche, se non soprattutto, alla supersfida di questa sera contro il Milan all'Olimpico, scontro diretto per il secondo posto in Serie A alle spalle della Juventus: "Bisogna pensare partita dopo partita, quindi pensiamo a questa sera: il mister ha preparato la squadra, poi parlerà il campo".