Roma, il derby-verità: serve l'impresa

La Roma affronta la Lazio nel retour-match di Coppa: ai giallorossi serve rimontare un pesante 2-0 subìto all'andata per accedere alla finale.

Roma, il derby-verità: serve l'impresa
calcionews24.it

La notte che riabilita una stagione, o che rende comunque meno amaro il presagio sul futuro. La Roma arriva al derby di Coppa, il terzo atto della stagione contro la Lazio, con l'imperativo categorico di fare la partita, vincere, accedere in finale e svoltare questo ultimo tratto di campionato. Lo sa Spalletti, lo sa la Curva Sud che, complice la rimozione delle barriere divisiorie nelle due Curve dell'Olimpico, rientrerà proprio da stasera in gran numero per sostenere gli uomini in campo, dopo due anni di assenza sugli spalti. Nella notte più importante ecco la forte presenza di tifo, per capire se la squadra del mister toscano riuscirà a ribaltare un risultato molto difficile. Alla Roma serve infatti un risultato superiore al 2-0 senza subire gol, o dal 4-1 in avanti se dovesse subire uno o più gol. Una prestazione nelle corde della Roma, che viene però dalla fallita rimonta europea contro il Lione. Altro giro, altra competizione, oggi gli occhi della squadra sono solo al derby.

I NUMERI

Se si esclude l'anno di permanenza in B della Roma e gli undici della Lazio, nelle altre stagioni sono stati tanti e accesi i derby della Capitale. Non pochi quelli di Coppa, nessuno per ora a livello europeo. In totale sono 167 tra campionato e Coppa (62 vittorie Roma, 60 pareggi, 44 sconfitte). Il bilancio delle stracittadine in coppa vede in vantaggio i romanisti con 9 vittorie, 3 pareggi e 7 sconfitte: l'ultima volta (oltre all'andata) però hanno vinto i cugini biancocelesti, era il 26 maggio 2013 e la Lazio faceva sua la Coppa proprio in finale. 

Nella storia delle stracittadine romane è capitato in 13 occasioni che la Roma si imponesse per 2-0 (2 delle quali nella stessa competizione in palio, nel 1970 e nel 1984), risultato che farebbe prolungare la gara di domani fino ai supplementari e eventualmente ai rigori. Sono stati 14 invece gli esiti delle gare con cui i giallorossi troverebbero la qualificazione (sopra il 3-0).

ROMANI IN OMBRA

Se dovesse giocare, Francesco Totti (che all'andata ha avuto solo pochi minuti a disposizione, a risultato acquisito) arriverebbe a quota 43 derby tra campionato e coppa nei quali è andato a segno 11 volte (mai però in Coppa Italia). Daniele De Rossi invece potrebbe giocare la sua 27ª stracittadina, diventando così il secondo calciatore per presenze dietro proprio al Capitano a scapito di Guido Masetti. Ma per lui bisogna valutare il problema alla schiena. Sarà assente sicuro l'altro romano, Florenzi.

IN CAMPO

ROMA - Contro la Lazio serve un'impresa e Luciano Spalletti potrà contare su tutta la rosa, piccoli fastidi a parte. Alisson sarà confermato tra i pali mentre in difesa ci sarà spazio per Manolas, Fazio e Rudiger. A centrocampo, sulle fasce agiranno Bruno Peres ed Emerson mentre in mezzo al campo De Rossi potrebbe farcela. Accanto lui, tornerà a disposizione Kevin Strootman dopo la squalifica scontata contro l'Empoli. In attacco, confermato il trio Salah-Nainggolan-Dzeko.

LAZIO - Simone Inzaghi dovrà stare attento a non sprecare i due gol di vantaggio. Ecco dunque che il 3-5-2 anti Roma sarà probabilmente costituito da Strakosha in porta, con Wallace, de Vrij e Radu pronti a formare il pacchetto arretrato. Basta, Milinkovic, Biglia, Lulic e Lukaku andranno a costituire la linea di centrocampo. Attacco a due Immobile-Anderson, pericolosi all'andata.

La gara prenderà il via alle 20,45, live su vavel.com/it e sarà arbitrata da Rizzoli, sezione di Bologna, che ha arbitrato 3 derby fin qui, due vittorie e un pari per la Roma.