Roma, Grenier: "Presto per parlare del mio futuro, ma vorrei restare qui a lungo"

Grenier racconta i suoi primi mesi in Italia. La voglia è quella di rimanere a Roma ancora per parecchio tempo

Roma, Grenier: "Presto per parlare del mio futuro, ma vorrei restare qui a lungo"
Clement Grenier, zonacalcio.net

Clement Grenier probabilmente non era il primo nome di Spalletti per dare più qualità al centrocampo della Roma nella seconda parte di stagione. Il mercato di gennaio poi è particolare di suo e fino a che gli infortuni non hanno iniziato a prenderlo di mira, Grenier aveva mostrato colpi interessanti al Lione. L'avventura alla Roma, fino a questo momento, ha più luci che ombre, ma Grenier non sembra avere intenzione di cambiare ancora aria per giocare, magari, con più continuità.

La sua voglia di Roma arriva da un'intervista concessa all' AS Roma Match Program: "Sono arrivato nella finestra di mercato di gennaio e sono stato accolto benissimo da tutti, dal club, dai compagni di squadra… Questo mi è servito per integrarmi subito al meglio e sentirmi a mio agio. Adesso lavoro sereno, cerco di dare sempre il massimo in allenamento tutti i giorni. Lavoro per mettere al servizio della squadra le mie qualità e per poter dare il mio contributo al meglio anche il giorno della partita. La mia speranza è di restare qui a lungo perché la Roma è una grande squadra, ci sono grandi qualità non soltanto sportive, ma anche umane, che per me sono un fattore importante”. 

Le ultime vittorie in campionato contro Milan e poi Juventus all'Olimpico ha dato nuova carica al gruppo per cercare di raggiungere l'obiettivo secondo posto: "Sono state due vittorie importanti in partite cruciali per mantenere il secondo posto in classifica e tenere a distanza il Napoli. Sono comunque ad una sola lunghezza da noi, ma il secondo posto è importante perché consente l'accesso diretto alla prossima Champions League." Prossimo avversario il Chievo, squadra con obiettivi diversi dalla Roma, ma comunque da non sottovalutare: "Non è mai facile mantenere la concentrazione, ma dobbiamo farlo soprattutto in quelle gare che sulla carta sono alla nostra portata. Soprattutto adesso che siamo allo sprint finale. Non sarà facile contro il Chievo, dovremo giocare al nostro meglio."