Roma, impressioni di ottobre

La Roma chiude settembre e apre ottobre con tutte vittorie in campionato. L'ultima, ieri a San Siro, senza appelli e di gran qualità.

Roma, impressioni di ottobre
Roma Twitter

Sarà contento Pallotta, in quel di Boston, nel vedere che la squadra ha decisamente trovato la sua dimensione. La Roma di Di Francesco, infatti, da pausa a pausa (era il 27 agosto allora, è il 1 ottobre oggi) ha cambiato passo, prospettive, salute e umore. 

Allora si paventavano crisi interne nell'ambiente, oggi si ragiona con una serenità d'altri tempi, frutto dei risultati, ma ancor prima del gioco sempre bello e piacevole. Vince la Roma, in campionato ed in Europa, vince a San Siro nel match più difficile tra gli ultimi, anche se mitigato dal momento no dei rossoneri di Montella. Vince ancora, la Roma, e lo fa sempre e solamente meritando. Dzeko ancora in gol, con l'aggiunta di un ritrovato (e commosso) Florenzi, che si riprende Roma e la gioia di un gol dopo più di 500 giorni. Era un derby, allora: sono solo gol pesanti i suoi.

LA CRONACA DEL MATCH

In campo, dunque: primo tempo sul filo sottile di un equilibrio non acceso, con due occasioni, non ghiotte, per parte. Si gioca a centrocampo, con Pellegrini che subentra a Strootman e, fatalità, fa benissimo da subito (risulterà decisivo sul primo gol romanista). Si gioca, in sostanza. Seconda frazione, invece, molto più vibrante, da subito: la Roma è più profonda, soffre l'assenza di El Shaarawy ma trova in Dzeko l'ennesima ancora. Le sue sponde dispongono la squadra in verticale, molto propensa al gioco sulla fascia. Questa qualità è anche la debolezza più grande, ed ecco che inizia la fase di sofferenza, a tratti forte: ci vuole il miglior Alisson, e i romanisti si salvano in due circostanze.

Passata la nottata, però, la tradizione e il calcio insegnano che si può sperare. E la Roma ingrana le marce, tutte insieme: prende campo. E domina con garbo e caparbietà i venti restanti: gli ultimi venti, quelli da sud. I venti minuti di fine gara che chiudono il match. Colpo di Dzeko (che gol, che incertezza in chiusura il Milan); colpo di Florenzi che poi si lascia andare nel pianto di chi sa che la sofferenza è finalmente finita. 

Lascia con altri 3 punti san Siro, la Roma, una tradizione che si rafforza, un appuntamento che continua.