Eder: "Felice di aver scelto l'Italia"

Dopo l'exploit con la maglia della nazionale italiana, Eder è al settimo cielo. Intervistato da Globoesporte l'attaccante italo-brasiliano si è detto davvero felice della sua scelta, ammettendo di essere a conoscenza che Dunga lo facesse seguire

Eder: "Felice di aver scelto l'Italia"
Eder: "Felice di aver scelto l'Italia"

"Ho visto che sono uscite queste parole di Dunga. Ne avevo già sentito parlare e qualcuno aveva già detto ai miei agenti che c'era la probabilità che il Brasile mi stava tenendo d'occhio. Ma io non ho avuto voglia di aspettare e non so nemmeno se mi avrebbero chiamato. La mia scelta è stata l’Italia", queste le parole rilasciate da Eder al quotidiano brasiliano Globoesporte. L'attaccante della Sampdoria e della Nazionale sta vivendo un momento fantastico. Trascinatore con i blucerchiati e decisivo con la maglia azzurra.

Eder spiega anche le motivazioni della sua scelta: "Il mio stile di calcio si adatta meglio qui in Italia che in Brasile. Quando torno in Brasile e guardo una partita di campionato, penso che non so se sarei adatto a giocare in un torneo del genere, che è molto meno tattico. Per il mio stile, penso di poter dare molto di più alla Nazionale italiana che al Brasile". "Ho ottenuto la doppia cittadinanza nel 2010 e ho cominciato a credere in una convocazione. Non pensavo che sarebbe successo così presto, ma è successo e sono stato davvero felice, perché fin da bambino conoscevo la storia della Nazionale, grazie a personaggi come Baggio e Totti. L'Italia ha una grande storia, è stata una grande emozione ricevere la convocazione. E i compagni mi hanno subito fatto sentire a casa".

Infine una chiosa sulla solita polemica degli "oriundi": "Il dibattito sugli oriundi? Io ho fiducia di Conte e con i compagni mi trovo benissimo. Questo è un dibattito che non finirà mai. Nell'ultimo Mondiale c'erano quasi 90 oriundi, e parlo di nazionali come la Germania e la Francia. Io sono in Italia da 10 anni, e per questa Nazionale darò sempre il cento per cento. E imparerò l'inno italiano".