Montella: "Mi vedrò con Ferrero, settimana complicata, domani giochiamo per l'orgoglio"

Vincenzo Montella presenta la partita contro la Juventus di Allegri al termine di una settimana difficile dopo il derby contro il Genoa.

Montella: "Mi vedrò con Ferrero, settimana complicata, domani giochiamo per l'orgoglio"
Vincenzo Montella, twitter @sampdoria

La pesante sconfitta nel derby contro il Genoa ha lasciato pesanti strascichi in casa Sampdoria in tutti gli ambienti della società blucerchiata. La salvezza è comunque arrivata, ma la stagione non può comunque essere positiva.

Lo spiega bene Vincenzo Montella alla vigilia della sfida contro la Juventus: "E' stata una settimana lunga, complicata per il risultato maturato sul campo e per errori nel post-partita. Abbiamo dato delle situazioni perchè fosse una situazione ancor più complicata di quanto fosse stata. Bisogna però guardare avanti, analizzare gli errori tecnici. Noi lo abbiamo fatto, ci siamo chiariti su certi aspetti. Si è capito dove si sono commessi errori. Pensiamo alla partita e poi ci vedremo col presidente. E' tutto aperto, ci siamo dati appuntamento nella prossima settimana per avere anche un quadro più completo. Sicuramente saremo molto diretti e molto frontali." Ecco quindi che la partita allo Juventus Stadium assume valore per un motivo preciso: "erve per noi stessi, per il nostro orgoglio e il nostro essere professionisti. E' l'ultima gara che arriva dopo le ultime sconfitte. Anche se affrontiamo gli invincibili ma abbiamo bisogno per chiudere il nostro campionato."

C'è spazio anche per un primo bilancio della stagione: "Nel finale di campionato evidentemente inconsciamente si è abbassata un po' la concentrazione e noi siamo una squadra che deve sempre giocare al 100% anche a livello emotivo. Tante partite abbiamo avuto un carattere che ci ha permesso di raggiungere la salvezza. La squadra comunque ha fatto 40 punti e si è salvata con due giornate di anticipo soprattutto perchè abbiamo fatto 40 punti, non ce li hanno regalati. Pochi per quelle che erano le aspettative. Io credo che questi giocatori, nel concetto di squadra, non sono amalgamati bene. Sono tutti giocatori che valgono più di 40 punti, ma anche in concetti diversi e amalgamati diversamente."