Serie A: Torino-Sampdoria termina in parità (1-1). Le voci dei protagonisti

Un gol per tempo. Apre Schick, pareggia Iturbe nel secondo tempo. Partita godibile, pari giusto.

Serie A: Torino-Sampdoria termina in parità (1-1). Le voci dei protagonisti
Serie A: Torino-Sampdoria termina in parità (1-1). Le voci dei protagonisti

L'anticipo del sabato sera tra Torino e Sampdoria, valevole per la 34^ giornata del massimo campionato italiano, termina in parità, 1-1. Ad aprire le danze è stato un gol delizioso del solito Schick, ormai non più sorpresa, bensì un'habitue del nostro campionato e nel cuore del secondo, ad evitare il peggio, la sconfitta al Torino, ci ha pensato Iturbe che ha approfittato di un errato disimpegno della diesa sampdoriana ed ha timbrato il cartellino con un fendente sinistro. Per il talento paraguaiano, si è trattato del primo gol con la maglia granata.

In sala stampa, entrambi gli allenatori hanno analizzato la gara. Un deluso Sinisa Mihajlovic, ai microfoni di Sky Sport, ha esternato tutta la propria delusione: "Avremmo meritato di vincere, loro hanno fatto solo due tiri in porta, noi venticinque". Poco cinismo per i granata, che non sono stati in grado di finalizzare la mole di gioco espressa sul terreno di gioco. Il tecnico serbo, però, accetta con professionalità il verdetto del campo, riconoscendo anche i meriti dei rivali: "Ai punti, la squadra meritevole della vittoria era il Torino, senza dubbio. Ma al termine dei 90' minuti il risultato maturato è stato un pareggio, e di conseguenza faccio i complimenti alla Sampdoria. Fino a qualche settimana fa vincevamo in casa, e zoppicavamo fuori, ora sta accadendo l'inverso. Ci stiamo esprimendo meglio in trasferta". Sul derby, in programma sabato prossimo, Sinisa Mihajlovic dichiara, con decisione: "E' una partita difficile, la Juventus è un top club di livello mondiale. Contro di loro non possiamo sbagliare tutte queste occasioni, bisogna far gol, punto e basta. Zero scusanti". Infine, riguardo al futuro del Torino, enuncia: "Con il presidente Cairo ho un ottimo rapporto, ci consultiamo su tante cose, tra di noi c'è sempre dialogo. Puntiamo anche sui giovani il prossimo anno, ne abbiamo già contrattualizzati due, di certo dobbiamo prendere anche altri calciatori, qualcuno di esperienza. C'è tempo per questo".

Il tecnico della Sampdoria, Marco Giampaolo, si dimostra soddisfatto della prestazione offerta dalla sua squadra all'Olimpico. Elogia i suoi: "La squadra mi è piaciuta, abbiamo approcciato bene la gara, la nostra è stata una prestazione seria, giusta. Mi dispiace solo per Schick, che è stato costretto ad abbandonare il campo per un problema alla schiena. La vittoria era nelle nostre corde, peccato aver concesso il gol al Torino, tutto è nato da una nostra leggerezza difensiva. Meglio rispetto alla gara di domenica scorsa: questa sera abbiamo dimostrato di avere più carattere, voglia, più fame di fare risultato". Interpellato sui singoli, e precisamente sui processi di crescita dei gioiellini Praet e Schick, il tecnico Giampaolo ha le idee chiare: "Ha giocato sempre trequartista Praet, ma io lo sto convincendo che ha le armi per diventare un'ottima mezzala. Schick è forte, ha tanta qualità, lo si vede dai gol che realizza. Segna in tutti i modi. Deve avere solo un pò più di continuità, ma è giovane, ed ha ampi margini di miglioramento".