Torino, per la difesa piacciono Zapata e Paletta

In uscita dal Milan, il colombiano e l'italo-argentino piacciono molto a Mihajlovic; in attacco i nomi sul taccuino di Petrachi sono Duvan Zapata e Simeone, mentre in mediana si punta su Duncan del Sassuolo.

Torino, per la difesa piacciono Zapata e Paletta
Torino, per la difesa piacciono Zapata e Paletta | www.pianetamilan.it

Sinisa Mihajlovic ripensa al suo passato per cercare rinforzi per il Torino. La difesa è il reparto che necessita maggiormente di interventi, perché Leandro Castan non è stato riscattato e tornerà alla Roma, mentre Carlao non ha convinto nei 6 mesi in granata – solo 4 presenze in totale – e molto probabilmente saluterà anche lui. Dunque si pensa ad un centrale di esperienza, che conosca la Serie A e, perché no, che conosca anche il tecnico serbo: ecco allora i primi due candidati, allenati da Mihajlovic nell’esperienza al Milan, ossia Cristian Zapata e Gabriel Paletta, entrambi in uscita dal club rossonero.

Il colombiano sarebbe il preferito, ma c’è il problema dell’ingaggio – troppo corrispondere 1.5 milioni di euro netti per le casse del Torino – anche se la destinazione, come riporta la Gazzetta dello Sport, è gradita al giocatore e non è da escludere una decurtazione volontaria dello stipendio, magari spalmato su più anni. Anche l’italo-argentino accetterebbe il trasferimento in granata, ma in questo caso l’ostacolo è la folta concorrenza, su tutti il Sassuolo, alla caccia del sostituto del partente Acerbi.

Un altro nome sulla lista del direttore sportivo Gianluca Petrachi è quello di Lorenzo Tonelli del Napoli: con i partenopei è ancora aperta la questione relativa al riscatto di Nikola Maksimovic ed Aurelio De Laurentiis potrebbe inserire una contropartita tecnica, come l’ex Empoli, per abbassare la parte cash. Sempre guardando in casa degli azzurri al Torino piace anche Duvan Zapata; i 25 milioni di euro richiesti per il suo cartellino però spaventano i granata. Ogni movimento nel reparto offensivo è subordinato al futuro di Andrea Belotti: se dovesse partire, oltre che sul colombiano ex Udinese si punterebbe forte su Giovanni Simeone, individuato come il rinforzo ideale in caso di addio del Gallo. Occhio infine all’ipotesi Mario Balotelli: per ora è solo una suggestione, visto anche l’imminente rinnovo con il Nizza, ma l’apprezzamento dichiarato espressamente da Sinisa Mihajlovic potrebbe portare a qualcosa di concreto.

Per il centrocampo, infine, si cerca l'affondo per Alfred Duncan del Sassuolo. Con Acquah in partenza, il Toro ha bisogno di un profilo simile per rinforzare la mediana: la richiesta iniziale dei neroverdi è di 10 milioni, ma i granata puntano ad inserire nella trattativa Benassi, che piace molto agli emiliani.