Torino - Centrocampo in rifacimento, fatta per Rincon, si insiste per Donsah, Birmingham su Acquah

Il "generale", dopo 6 mesi alla Juventus, è a un passo dal vestire la maglia granata, occupando la casella lasciata libera da Benassi. Per dare più alternative a Mihajlovic, si insiste col Bologna per avere Donsah. Intanto il Birmingham ha intenzioni serie per Acquah.

Torino - Centrocampo in rifacimento, fatta per Rincon, si insiste per Donsah, Birmingham su Acquah
Il presidente Cairo e Rincon. Fonti: http://www.toronews.net & http://cdn.tuttosport.com

È  sicuramente il centrocampo il reparto al centro dell'occhio di bue in casa Torino. Sistemata (almeno sulla carta) la difesa e con un attacco in cui mancano ancora solo un paio di riserve, urge trovare dei titolari per il nuovo modulo scelto da Mihajlovic, ovvero il 4-2-3-1. Benassi è stato ceduto alla Fiorentina per 10 milioni più bonus. Tralasciando il discorso tattico (l'ex Inter era evidentemente inadattabile alle nuove idee del tecnico serbo), la società granata ha deciso di reinvestire subito l'incasso per prendere un giocatore più adatto ai nuovi schemi. Il profilo individuato dalla società granata, già da qualche giorno, è quello di Tomas Rincon, arrivato alla Juventus a gennaio per 8 milioni e mai tenuto troppo in considerazione da mister Allegri. Il denaro incassato dalla cessione ai gigliati del capitano dell'under 21 ha permesso a Cairo e Petrachi di accelerare la trattativa. Sul piatto un'offerta di prestito oneroso da 2 milioni con diritto di riscatto (che diventerà obbligo dopo un tot. di presenze) fissato a 7. Con il giocatore l'accordo è stato raggiunto in giornata: il Torino si porterà in casa le cifre che il venezuelano percepiva con la Vecchia Signora, ovvero accordo fino al 2020 a 1,2 milioni di ingaggio annui. Il tassello rimasto vuoto è stato quindi subito colmato.

Donsah in maglia felsinea. Fonte: http://images.performgroup.com/
Donsah in maglia felsinea. Fonte: http://images.performgroup.com/

Mihajlovic però ha chiesto anche un rinforzo in mediana, per avere un'alternativa ai due titolari (che a questo punto dovrebbero essere Rincon e Acquah). Il nome è sempre quello, ovvero Donsah. Il giocatore è da diverse settimane sul taccuino di Petrachi, anche se l'accordo con il Bologna stenta ad arrivare. Infatti i granata non si schiodano dall'offerta totale di cinque milioni, mentre i felsinei valutano il loro talentino otto milioni. L'accordo sembra arduo, visto che nessuno dei due club sembra volersi muovere dalle proprie idee. Intanto il ds sta provando a piazzare alcuni elementi che sembrano essere ritenuti di troppo, ovvero Gustafson e Lukic. Si cercano club disposti a dare minuti importanti ai due giovani arrivati un'estate fa. In uscita non ci sarebbe Acquah, ma sull'ex Parma c'è il forte interessamento del Birmingham. Il club di per sè sarebbe un passo indietro a livello calcistico per il ragazzo, visto che gioca in Championship, ma la squadra inglese sembra avere disponibilità economiche importanti e, dopo aver fallito l'assalto a Badu (andato al Bursaspor), stanno tentando il tutto per tutto per Acquah. Recapitata al Torino un'offerta di 8 milioni. Una cifra importante, che manda nettamente in fondo alle gerarchie l'interessamento dell'Atalanta. Bisognerà vedere se, dopo aver perso Benassi, società e staff tecnico siano disposti a rinunciare ad un altro giocatore che fino ad ora è sempre stato un elemento importante in campo.

Benassi non vestirà più il granata. Fonte: https://www.labaroviola.com
Benassi non vestirà più il granata. Fonte: https://www.labaroviola.com

Infine, Benassi ha salutato il Torino dopo tre anni. Il giocatore, che con i granata si è guadagnato gettoni in Europa e la fascia da capitano dell'under 21 italiana, ha voluto salutare il suo vecchio club su Instagram. Una mossa decisa da mesi, ma che comunque, per ora, indebolisce il Toro, visto che il reparto andava rinforzato e ora si trova con un elemento in meno. Starà a Petrachi e Cairo far arrivare i rinforzi richiesti da Mihajlovic, che aveva chiesto due elementi nella zona nevralgica del campo per puntare all'Europa. Si parte col "generale" Rincon. Vedremo se la società riuscirà ancora una volta a tirar fuori dal cilindro il colpo inaspettato.