Udinese, Delneri: "Ho fiducia nel gruppo, nel suo atteggiamento e nei miglioramenti che può avere"

Nella consueta conferenza stampa prepartita, il mister analizza lo stato dei suoi uomini, con il focus sull'avversario di lunedì sera, il Bologna.

Udinese, Delneri: "Ho fiducia nel gruppo, nel suo atteggiamento e nei miglioramenti che può avere"
Delneri durante la sfida con il Palermo. Fonte: www.facebook.com/UdineseCalcio1896

Si commettono sempre gli stessi errori e Delneri quindi non cambia modo di comunicare. Lavorare e mantenere la concentrazione, non c'è altra via d'uscita per eliminare le importanti amnesie che stanno caratterizzando questa stagione dell'Udinese. Nessuna anticipazione invece sulla formazione che scenderà in campo contro il Bologna, c'è aria di novità, ma il mister non si vuole sbottonare. Il monday night sarà anche l'occasione per festeggiare i centoventanni di Udinese, la cosa però non deve aumentare le pressioni sulla squadra.

L'Udinese festeggerà contro il Bologna il centoventesimo anniversario, un traguardo importante, per una squadra che deve tornare a convincere: "L'importante è tener conto di quello che abbiamo fatto e di produrre un calcio di aggressività. L'anniversario è importante e vogliamo onorare la storia del calcio, esprimendo sul campo tutte le caratteristiche di squadra che abbiamo. La squadra è motivata; spesso incappiamo in degli errori inusuali come concetto. Migliorando quello abbiamo possibilità di fare una partita buona contro una squadra importante. Pressione? No, perché il calcio dà sempre grande motivazioni. Chi va in campo dà sempre il tutto per tutto. Noi vogliamo sempre sviluppare il calcio migliore, al di là della bella ricorrenza. Il campionato non inizia o finisce lunedì. Sarà un motivo in più per fare bene, ma la voglia di vincere facendo una grande partita c'è sempre, a prescindere da tutto".

La sconfitta contro il Cagliari ha messo in luce numerosi alti e bassi di questa squadra: "Vedendo la partita, devo dire che la squadra ha prodotto molto ma segnato poco, subito poco e purtroppo concesso tanto. Abbiamo visto cose buone e meno buone. Potevamo essere più aggressivi nella conclusione e più attenti nella lettura difensiva. Non si può sempre prendere gol a difesa schierata. Io vedo che Karnezis è poche volte uno contro uno. Dobbiamo essere sempre aggressivi, decisi e applicare un calcio dinamico e meno lezioso. Dobbiamo imparare dagli errori che commettiamo".

Il Bologna è una squadra molto insidiosa, nonostante abbia solo un punto in più rispetto ai friulani: "Hanno dei prospetti interessanti, non solo Viviani, come Taider, Destro, Krejci, Di Francesco. Loro verranno a fare la loro gara, ma noi dobbiamo mettere in mostra la nostra sicurezza, senza finire nel lezioso, mantenendo l'identità nel corso di tutta la gara. A Cagliari meritavamo risultato pieno e abbiamo perso, per questo dovremo essere più attenti in futuro".

Forse Samir, essendo un mancino, sarebbe più adatto di Molla Wague affianco a Danilo, ma il mister non si vuole sbilanciare: "Non si può cambiare metà squadra ogni domenica. Bisogna dare continuità al lavoro e serenità di giudizi. Voglio mettere in campo la squadra migliore; tutti i ragazzi hanno la mia fiducia, poi scelgo i più idonei. Ho fiducia nel gruppo, nel suo atteggiamento e nei miglioramenti che può avere".

Tanti dubbi si chi dovrà ricoprire il ruolo di ala destra, Badu in quel ruolo potrebbe essere un'opzione in più: "Quando abbiamo giocato col Pescara, a gara in corso gli ho chiesto di ricoprire quella posizione. Badu va via con l'inserimento senza palla. Stiamo lavorando su questa giocata, verticale, veloce, con i tempi giusti. Ci vuole un attimo di pazienza per innescare tali situazioni. A destra può giocare chiunque. Dobbiamo risolvere i problemi con organizzazione ed equilibrio. Si gioca in 11 però. Non ne posso schierare 16. Abbiamo delle risorse e dobbiamo sfruttarle a dovere. L'importante è non creare confusione, perché gli squilibri sono pericolosi. Io dò correttivi, lavoro sugli errori".