Udinese, Delneri: "Voglio chiedere alla squadra di essere più cattiva"

Il tecnico analizza la sfida contro l'Atalanta nella consueta conferenza stampa prepartita.

La sfida con il Bologna ha lasciato sicuramente tanto entusiasmo nelle mani dell'Udinese. Mister Delneri è chiaramente soddisfatto delle risposte della squadra, ma vuole anche che si mantenga la concentrazione, perchè c'è ancora tanto lavoro da fare. La partita inoltre sarà particolare per il tecnico di Aquileia, che torna a Bergamo da avversario.

Delneri torna allo Stadio Atleti Azzurri d'Italia, teatro di esperienze importanti per il tecnico friulano: "Non è la prima volta che torno lì, dove ho trovato un ambiente molto caldo, nel senso di attaccamento alla squadra. C'è sempre stata una grande sinergia con ambiente e società".

La vittoria sul Bologna è stata entusiasmante per come è arrivata, la squadra però deve tenere i piedi per terra: "Le vittorie danno sempre sensazioni positive. Abbiamo lavorato bene, ma vogliamo continuare a ricercare i tre punti, senza cadere in facili illusioni. Domenica sarà una gara non semplice dal punto di vista fisico e psicologico. La squadra ha reagito bene a Cagliari e ora vuole continuare su questo sentiero".

Il nuovo centrocampo messo in mostra contro i felsinei si è mostrato efficace, ma il mister non vuole anticipare nulla su chi scenderà in campo domani: "Più miglioriamo, più possiamo sopperire a certe qualità. Stiamo lavorando su miglioramenti di settore, per poter mettere in campo anche una squadra qualitativa, e non solamente muscolare. Col Bologna avevamo in campo De Paul, Thereau, Kums, ma è anche vero che questo è un campionato in cui spesso le partite sono molto fisiche, perciò abbiamo deciso di spostare Kums con un riferimento basso vicino, per dargli più libertà. Chi giocherà domani inutile chiederlo perché lo deciderò stanotte".

Delneri poi analizza nel dettaglio la sfida con l'Atalanta: "L'Atalanta ha battuto il Bologna con due calci d'angolo, noi facendo una decina di azioni da gol. Lì troveremo un ambiente molto caldo, ma sempre nel massimo rispetto dell'avversario. Loro sono una squadra muscolare, di forza. Sarà una battaglia e ho detto ai miei giocatori che domani serviranno doti di temperamento e di lotta. La gara si giocherà ad alti ritmi e alta intensità. Sono reduci da una sconfitta che ci può stare contro la Juventus, e che non inficia quanto fatto finora in generale, ma soprattutto in casa. Hanno i punti che meritano e vanno affrontati per quello che sono, vale a dire una squadra tra le prime della classe".

Con il rientro di Samir la squadra è tornata a non subire gol: "Avere due mancini lì è più interessante. Avevamo fuori Wague, Angella, Adnan, che un domani sarà pronto. La squadra non mi ha mai veramente deluso, anche sotto il punto di vista della mentalità. Dobbiamo però puntare più sulla questione della mentalità e dell'atteggiamento, prima ancora che sugli interpreti che vanno in campo".

Infine, il tecnico ripete il solito mantra: "Voglio chiedere alla squadra di essere più cattiva, però i giocatori stanno seguendo bene le indicazioni, migliorando domenica dopo domenica. I giocatori sono tutti quanti molto attenti su ciò che facciamo sul campo".

(Fonte: http://www.udinese.it)