Udinese - Le pagelle, la squadra lotta

In una partita non entusiasmante, le zebrette sfoderano comunque una buona prestazione difensiva, cercando di mantenere al minimo gli errori e al massimo la concentrazione.

Partita non partircolarmente brillante quella di Genova. Più di qualche elemento dell'Udinese sembra avere il bisogno di staccare un attimo dopo due mesi intensissimi. Si fa notare la prestazione della difesa. Male invece dalla cintola in su, anche per colpa di una Sampdoria attenta a tenere il pallone tra i propri piedi.

Karnezis 6 - Per una volta è inoperoso, importante la parata sul diagonale di Quagliarella nella ripresa.

Faraoni 6,5 - Ritorna titolare dopo un'assenza lunghissima. Conferma quanto di buono fatto vedere nello spezzone contro il Cagliari, difendendo bene e cercando l'affondo sulla fascia. Non sembra aver bisogno di un prestito.

Danilo 6,5 - Se la difesa è stata impenetrabile è anche merito suo. Quando è concentrato è un difensore di grande livello.

Felipe 7 - Insuperabile. Contiene alla perfezione e si immola più di qualche volta per evitare la capitolazione. Al centro sembra essere imprescindibile.

Samir 6,5 - Il brasiliano riesce quasi ad annullare un funambolo come Muriel. Cartello con su scritto "non si passa" dal suo lato.

Hallfredsson sv - Deve uscire dopo pochissimi minuti, anche lui alle prese con il virus che ha steso Widmer e, in settimana, mister Delneri. (Kums 6 - Partita non semplice, dato che la Sampdoria lascia veramente poco l'iniziativa ai friulani, in fase di contenimento è ottimo come al solito)

Fofana 5 - Patisce forse un po' di stanchezza, dato che con Delneri non ha mai saltato una partita. Molto disattento, rischia un paio di volte di dare il là a ripartenze importanti per la Sampdoria. Prova ogni tanto qualche giocata delle sue, ma non è giornata.

Badu 5,5 - Come il francese, si vede pochissimo. Corre tanto per cercare di interrompere l'articolata manovra doriana, ma quando biosgna pungere non riesce mai a farsi vedere.

De Paul 5,5 - Delneri gli ridà fiducia dopo la prestazione tutto sommato positiva contro il Crotone. L'argentino però sembra tornare al solito vecchio vizio di incaponirsi nelle giocate, anzichè cercare di dare sostanza alla manovra. Restano però i progressi nei movimenti offensivi, con un paio di inserimenti importanti all'attivo. (Matos 6 - Delneri lo inserisce per provare a rimettere in moto un attacco stagnante, cerca  di dare più movimento con la sua velocità, ma non sembra essere partita da gol).

Duvàn Zapata 6 - Fa quel che può, in una partita dove la manovra offensiva sembra essere in secondo piano. Buono l'inserimento sul filtrante di Faraoni nel primo tempo, anche se la posizione è praticamente impossibile per battere Puggioni. Per il resto cerca di far valere la sua presenza in area, ma non gli arriva quasi mai il pallone.

Thereau 5,5 - Altra partita di grande corsa, ma stavolta il guizzo non arriva. Cerca di proporsi il più possibile, ma la squadra sembra seguirlo un po' poco. Ci mette anche un po' di disattenzione, sbagliando un paio di palloni facili. (Lucas Evangelista sv - Tolto dalla naftalina, non ha tempo per far vedere qualcosa.)

Delneri 6 - Era importante dare continuità al tris di vittorie e la squadra alla fine un punto riesce a prenderlo. I giocatori sembrano un po' sentire l'atmosfera natalizia (e anche malaticcia, dato che ben in tre hanno contratto virus stagionali) e non si vede il sangue negli occhi delle partite precedenti, che però non può naturalmente esserci sempre. 25 punti e quattro risultati utili consecutivi sono comunque un buon modo per chiudere un anno tribolato.