Udinese: tutto fatto per Bizzarri, ufficialità nelle prossime ore

Il portiere ex Pescara ha scelto il Friuli, giocandosi a quarant'anni le proprie chance in una squadra importante. Da capire, ora, chi lascerà i bianconeri tra Meret e Karnezis.

Udinese: tutto fatto per Bizzarri, ufficialità nelle prossime ore
Source photo: getty images

Colpo in porta per l'Udinese, che nel giro di pochissimo ufficializzerà l'ingaggio di Albano Bizzarri, esperto portiere argentino reduce dall'altalenante esperienza con il Pescara. A quasi quarant'anni, dunque, il nativo di Etruria si giocherà dunque le sue chance in Friuli, portando esperienza e voglia di rimettersi ancora in gioco. Vero e proprio veterano della nostra Serie A, Bizzarri è ormai una presenza fissa in Italia dal 2007, quando il Catania lo prelevò Gimnastic. Da allora, l'ex Chievo ha sempre confermato le sue ottime doti, contribuendo ai risultati sportivi della proprie squadre.

Dopo l'ufficialità, sarà interessante capire quale portiere abbandonerà la società di patron Pozzo. Particolarmente voluto dal Napoli, il più incerto della permanenza è Alex Meret, giovane classe '97 reduce da un'ottima stagione con la Spal. Negli ultimi giorni, il club partenopeo ha visto declinata un'offerta di 14 milioni, considerata troppo bassa dai bianconeri. Ugualmente possibile, inoltre, l'addio di Karnezis, voluto da De Laurentiis per sopperire al "no secco" ricevuto per il giovane Meret. Il greco, considerato una sorta di vice-Reina, non potrebbe accettare la concorrenza con Bizzarri, preferendo una destinazione gradita in un club ricco e forte. 

Ciò che è certo, comunque, è che l'Udinese cercherà di lasciar andare più facilmente il greco, vista la carta d'identità non più rosea. Scegliendo Bizzarri, inoltre, i bianconeri preleverebbero un atleta esperto che permettere a Scuffet di crescere, tornando sui livelli visti qualche anno fa, prima del tanto chiacchierato passaggio all'Atletico Madrid che, una volta sfumato, avrebbe avviato il processo decadente del ragazzo. Una delle tante storie circolanti nell'ambiente sportivo, a metà tra la leggenda e la realtà. Ora, grazie a Del Neri, Scuffet è pronto a dire di nuovo la sua, scrivendo pagine importanti del calcio friulano e nazionale.