Balo (forse) is back: nonostante le sirene inglesi, manca poco per l'ufficialità al Nizza

Ormai è fatta, Balo al Nizza è più di una realtà. Nonostante le sirene inglesi, infatti, l'ex Liverpool è pronto alla sua prima stagione in Ligue 1.

Balo (forse) is back: nonostante le sirene inglesi, manca poco per l'ufficialità al Nizza
www.blitzquotidiano.it

Balotelli al Nizza, nel pomeriggio le visite mediche. O almeno questo si diceva fino a qualche ora fa, prima che Raiola non mettesse le sue soliti pulci nelle ronzanti orecchie degli esperti di mercato. Sembrava davvero prossimo, infatti, l'arrivo di Balo in Costa Azzurra, eppure proprio recententissimamente sembrano essersi fatte più rumorose le sireni inglesi, con la Premier che continua ad essere un campionato particolarmente appetibile per Super Mario. Non è una novità, infatti, che la Ligue 1 non sia proprio in cima alla lista dei desideri del bomber ex Liverpool e che la scelta del Nizza sia solo un tentativo di mettersi di nuovo in luce come uno dei più forti attaccanti italiani in circolazione.

La prima voce, non troppo smentita, porterebbe Mario alla corte del Wolves di Zenga, anche se tutto ciò appare realmente improbabile, uno di quei pazzi sogni di mercato capaci di durare quanto un fiammifero acceso. Altre fantasiose voci vedrebbero il bomber numero 45 vicino al Sion, in Svizzera, idea che però convince ben poco per il minore appeal del campionato elvetico. Suggestiva ed ugualmente improbabile, inoltre, l'ipotesi Ajax, con gli olandesi poco inclini ad accogliere un attaccante non più giovanissimo e che da tempo stenta a confermarsi.

Tutte queste voci lasciano, comunque, il tempo che trovano: Balotelli pare ormai realmente sposato alla causa francese, ipotesi che più di ogni altra permetterebbe a Mario di riaffacciarsi su un campionato comunque competitivo.  Il Nizza, inoltre, che avrebbe offerto a Mario un importante contratto di 4.5 milioni lordi l'anno, quest'anno sembra essere davvero attrezzato per una stagione ricca di successi e di soddisfazioni, quel plus in più che magari spingerà il tormentato attaccante numero 45 a giocarsi al pieno l'ultima reale chance per non scivolare lentamente nel dimenticatoio del mondo del calcio.