F1 Gp Austria, Raikkonen e Ricciardo protagonisti della conferenza stampa

F1 Gp Austria, 4 i piloti protagonisti della conferenza stampa del giovedì. Magnussen e Sirotkin per Haas e Williams, Ricciardo e Raikkonen per i top team. L'australiano e il finlandese hanno parlato del loro futuro.

F1 Gp Austria, Raikkonen e Ricciardo protagonisti della conferenza stampa
Twitter ScuderiaFerrari

F1 Gp Austria, è giovedì, giorno prima di scendere in pista per le prove libere, spazio alle parole dei piloti in conferenza stampa. I prescelti di oggi sono stati Sirotkin, Magnussen, Raikkonen e Ricciardo.

Durante la conferenza Sirotkin ha parlato del momento no della Williams, ammettendo che la situazione non è buona, ma facendo trapelare ottimismo per il futuro (dovrebbero arrivare nuove componenti nei prossimi Gp), auspicando qualche gara dove lottare per i punti. Magnussen al contrario sta andando molto bene con la Haas e punta ad avvicinare la Renault nel campionato costruttori.

Naturalmente però fari puntati su Ricciardo e Raikkonen e sul loro futuro. L'australiano della Red Bull sembra vicino al rinnovo, e anche se non c'è nulla di ufficiale ha ammesso che a breve potrebbe dare news in merito, soprattutto perché vuole andare alla pausa estiva conoscendo il proprio futuro.

Nonostante il suo fare schivo però, è stato proprio il finlandese della Ferrari a rubare la scena: «Dove sarò in futuro? E' la stessa risposta che vi dò ogni anno: vedremo. Io in McLaren? Vedremo, ci sono tante chiacchiere. Non so nemmeno io che succederà. In passato mai avrei detto di tornare in Ferrari e invece... Se ho parlato con McLaren? Ti piacerebbe saperlo? ... ».

Sia a Ricciardo che a Raikkonen è stato chiesto se Red Bull e Ferrari possono lottare per il mondiale e entrambi sono stati ottimisti a riguardo, promettendo battaglia alla Mercedes. Poi di nuovo domande sul futuro a Ricciardo che ha di nuovo espresso la volontà di rendere la situazione più chiara a breve. L'accordo per la prossima stagione tra Honda e Red Bull lo aiuterà a valutare. Poi come sempre ha scherzato: «Vuoi che ti risponda Raikkonen o Bottas?» ha chiesto ad un giornalista finlandese che gli aveva domandato chi volesse come compagno di squadra. «No, onestamente non lo so» ha risposto. Poi a concluso sibillino: «Quello che riguarda le mie trattative è riservato. Le vittorie, quella a Monte-Carlo in particolare, possano aiutarmi nella trattativa anche per quello che sarà il futuro della mia carriera. Sull'aspetto economico lasciamo stare».

Raikkonen ha avuto l'ultima parola: «Non so quando se ne discuterà. Sono cose normali per me» ha risposto a chi gli chiedeva sulle trattative per il contratto. Da domani capiremo chi sarà più veloce sul Red Bull Ring, per quanto riguarda il mercato piloti invece, è presto.