Gp Spagna: Hamilton ingrana la quinta

Cinque su cinque per Lewis Hamilton. Il pilota inglese strappa la pole position a Nico Rosberg, terzo Daniel Ricciardo. Ferrari al sesto a e settimo posto.

Lo stop di tre settimane e lo sbarco in Europa non hanno portato con sé grosse novità nel Mondiale di Formula Uno. Lewis Hamilton conquista la sua quinta pole position consecutiva mettendosi alle spalle il compagno e rivale Nico Rosberg che in realtà gli è stato davanti per tutta la durata delle Q1 e Q2. La gara degli "altri" viene vinta invece da Daniel Ricciardo che posiziona la sua Red Bull in terza posizione. Qualifica amara per Sebastian Vettel che viene fermato in Q3 da un problema tecnico che lo costringerà domani a partire dalla decima piazza. Sesto settimo posto per la Ferrari rispettivamente con Kimi Raikkonen e Fernando Alonso. 

Q1 - Alle ore 14:00 i piloti scendono in pista per la prima qualifica europea della stagione. A pochi minuti dall'inizio della Q1 l'incidente di Maldonando costringe i commissari di gara a sventolare bandiera rossa e quindi ad interrompere le qualifiche. Il pilota venezuelano compromette quello che poteva essere un week-end favorevole per la Lotus andandosi a schiantare contro le barriere distruggendo così la parte anteriore della sua vettura. La prima sessione si conclude con Nico Rosberg in testa alla classifica con quattro decimi di vantaggio su Lewis Hamilton e oltre un secondo da Sebastian Vettel. Al termine della Q1 gli eliminati sono: Sutil, Chilton, Bianchi, Ericsson, Kobayashi e ovviamente Maldonado. 

Q2 - Nei successivi quindici minuti non si verificano stravolgimenti nelle posizioni di testa. Fernando Alonso fatica a qualificarsi ma alla fine riesce ad ottenere il decimo posto con soli 83 millesimi di vantaggio sul primo degli eliminati mentre gli esclusi sono Hulkenberg, Perez, Kvyat, e Gutierrez. Magnussen e Vergne, quindicesimo e sedicesimo, accusano problemi al motore durante la gara e rassegnati lasciano anzitempo la pista. 

Q3 - Le qualifiche vengono nuovamente interrotte dalla bandiera rossa. Ancora una volta i problemi tecnici della sua Red Bull tradiscono il quattro volte campione del mondo che si ritrova a parcheggiare la sua monoposto ai bordi della pista e a non partecipare dunque alla Q3. A causa dell'incidente di Sebastian Vettel, Fernando Alonso e le Mercedes sono costrette ad abortire i loro giri e a buttare via un set di gomme. Tutti i piloti si ritrovano dunque a dover effettuare un solo tentativo ed è proprio nel momento decisivo che Lewis Hamilton decide di riscrivere le gerarchie in casa Mercedes strappando di due decimi la pole position al compagno di squadra. 

I tempi delle qualifiche:

1. GBR L.Hamilton Mercedes Mercedes 1:25.232  
2. GER N.Rosberg Mercedes Mercedes 1:25.400  
3. AUS D.Ricciardo Red Bull Renault 1:26.285  
4. FIN V.Bottas Williams Mercedes 1:26.632  
5. FRA R.Grosjean Lotus Renault 1:26.960  
6. FIN K.Raikkonen Ferrari Ferrari 1:27.104  
7. SPA F.Alonso Ferrari Ferrari 1:27.140  
8. GBR J.Button McLaren Mercedes 1:27.335  
9. BRA F.Massa Williams Mercedes 1:27.402  
10. GER S.Vettel Red Bull Renault