Vettel difende Raikkonen: "Le critiche sono normali in Formula1, ma lui sa quanto vale"

Il tedesco parla del suo rapporto con il compagno di squadra e lascia intendere alla Ferrari che vorrebbe una sua riconferma per la prossima stagione. I due piloti sono amici e stanno lavorando insieme per cercare di riportare in alto la Scuderia di Maranello.

Vettel difende Raikkonen: "Le critiche sono normali in Formula1, ma lui sa quanto vale"
Photo by Scuderia Ferrari

Nei giorni di avvicinamento al GP di Silverstone a tener banco nel mondo della Formula 1 continua ad essere il futuro di Kimi Raikkonen con le conseguenti voci di mercato che ruotano attorno al sedile della Rossa. Che Iceman non stia passando il momento migliore della sua carriera è sotto gli occhi di tutti. Il finlandese ha avuto qualche problema di troppo negli ultimi due gran premi e da più parti si sono alzati cori di critiche, oltre le ormai onnipresenti voci sul suo possibile addio alla Rossa a fine stagione per far posto ad un altro pilota (per ora i più quotati sembrano essere Bottas e Hulkenberg).

Ma tra tutte queste critiche e tra le dichiarazioni non certo amichevoli di Marchionne e Arrivabene, spunta anche la classica voce fuori dal coro, e si tratta di una voce non da poco visto che risponde al nome di Sebastian Vettel. Anche se in Ferrari si ripete che non c'è fretta per decidere il nome di chi lo affiancherà nella prossima stagione, il tedesco ha preso le difese del suo compagno di squadra: "Mi trovo molto bene con Kimi - ha dichiarato Seb durante un evento Ferrari sulla pista dell'Hungaroring - come ho ripetuto più volte tra noi due c'è un grande rispetto, non ci sono mai complicazioni e lavorare insieme a lui è molto semplice. La nostra amicizia non è cambiata da quando siamo nello stesso team, lui è onesto e sincero e non c'è nessuna complicazione a lavorare insieme".

"Le ultime gare non sono andate molto bene per lui e si sa che questo in Formula 1 significa critiche immediate" Il tedesco paragona la situazione di Raikkonen a quella vissuta da lui l'anno scorso, quando per problemi vari era finito dietro anche a Daniel Ricciardo e molti avevano messo in dubbio il suo talento: "È stato così anche per me: ho avuto quattro anni fenomenali e poi l'anno scorso è andato male, sia perché la macchina aveva molti problemi sia perché io stesso ho commesso più errori e sono stato subito pesantemente criticato".

Le critiche, insomma, sono parte integrante di questa Formula1 e Vettel trova un unico antidoto ad esse: "Le cose possono cambiare rapidamente, come è successo per me quest'anno, perciò queste critiche lasciano il tempo che trovano se tu sai quanto vali. Credo che Kimi lo sappia e sa anche ciò che vuole."

Il quattro volte campione del mondo parla poi del gap da Mercedes, ritenendo buono il lavoro che lui e Raikkonen hanno fatto insieme per far rialzare la Ferrari dopo molti anni di difficoltà, anche se c'è ancora molta strada da fare: "Ovviamente il divario dalla Mercedes è ancora molto grande, ma noi stiamo lavorando duramente per cercare di riprenderli. Penso che stiamo facendo il lavoro migliore di tutti se si paragonano i risultati di quest'anno a quelli dell'anno scorso e anche se si fa un confronto con l'inizio della stagione. Non sarà sicuramente una cosa facile - ha concluso il tedesco - Mercedes è uno dei migliori team, ma noi ce la stiamo mettendo tutta e abbiamo un solo obiettivo: andare a riprenderli!"