Spa, nuova pole per Hamilton. Disastro Ferrari

In Belgio Lewis Hamilton conquista la sua 48esima pole position grazie ad uno splendido giro. Ancora prima fila Mercedes, con Nico Rosberg secondo. Ottimo terzo tempo per Valtteri Bottas. Sabato difficile per le Ferrari: Sebastian Vettel è solo nono, mentre Kimi Raikkonen quattordicesimo dopo l’ennesimo guasto.

Spa, nuova pole per Hamilton. Disastro Ferrari
foto: Getty Images

Ancora Mercedes, ancora Lewis Hamilton. Al ritorno dalla pausa estiva le Frecce d’Argento sono apparse decisamente imbattibili e hanno monopolizzato la prima fila anche a Spa. Il Campione del Mondo in carica ha ottenuto oggi la sua decima pole stagionale, la 48esima in carriera, andando a beffare di nuovo il compagno di squadra. Nico Rosberg infatti non è riuscito a sopravanzarlo e scatterà domani dalla seconda casella, con un ritardo in qualifica di quasi mezzo secondo dal vicino di box.

Strapotere Mercedes dunque che con il risultato di oggi può contare ben sette prime file stagionali. Difficile per gli altri tenere testa ai due piloti nelle qualifiche in Belgio. Ma ad ottenere la terza posizione è stato oggi Valtteri Bottas. Il finlandese si è imposto sia sul compagno di squadra che sul resto della concorrenza e domani scatterà così dalla terza casella, nonostante l’importante ritardo dal poleman: si tratta infatti di ben 1.340 secondi. Come tempi il pilota della Williams è inseguito da Romain Grosjean, che però sarà retrocesso di 5 posizioni per aver sostituito il cambio. Il francese della Lotus quindi scala fino alla nona casella. Grandissima prestazione anche di Sergio Perez, che si è messo in luce già a partire dall’inizio della sessione di qualifica, facendo stampare tempi interessanti e concludendo poi in quinta posizione. Un bel risultato per il messicano della Force India che, anche grazie alla penalità di Grosjean, domani partirà dalla seconda fila.

Non si gioisce invece in casa Ferrari. La Rossa di Maranello arrivava a Spa forte del trionfo in Ungheria, ma le qualifiche in Belgio non sono andate come previsto. Sebastian Vettel non è andato oltre la nona casella (partirà dall’ottavo posto per la penalizzazione a Grosjean) deludendo le aspettative. Il distacco consistente dalle due Mercedes non lascia ben sperare: oltre un secondo e mezzo di ritardo per una gara in salita. Non va meglio al suo compagno di box. La sfortuna infatti continua a perseguitare Kimi Raikkonen, che a poco meno di dieci minuti alla fine del Q2 è stato costretto a scendere dalla sua vettura per un guasto tecnico. Nessuna spiegazione ufficiale da parte del team, che deve ancora capire cosa sia successo. L’estensione del contratto non sembra però aver giovato alla fortuna, che decide ancora una volta di voltare le spalle al finlandese, costretto a lasciare la vettura quasi in pista e a far esporre la bandiera rossa. La sessione è ripartita poco dopo, ma senza Raikkonen, che domani scatterà dalla quattordicesima posizione.  

TEMPI E GRIGLIA DI PARTENZA

  1. L. HAMILTON – Mercedes 1.47.197
  2. N. ROSBERG – Mercedes +0.458
  3. V. BOTTAS – Williams Mercedes +1.340
  4. R. GROSJEAN – Lotus Mercedes +1.364*
  5. S. PEREZ – Force India Mercedes +1.402
  6. D. RICCIARDO – Red Bull Racing Renault +1.442
  7. F. MASSA – Williams Mercedes +1.488
  8. P. MALDONADO – Lotus Mercedes +1.557
  9. S. VETTEL – Ferrari +1.628
  10. C. SAINZ – Toro Rosso Renault +2.574
  11. N. HULKENBERG – Force India Mercedes 1.49.121
  12. D. KVYAT – Red Bull Racing Renault 1.49.228
  13. M. ERICSSON – Sauber Ferrari 1.49.586
  14. K. RAIKKONEN – Ferrari – No Time
  15. M. VERSTAPPEN – Toro Rosso Renault – No Time
  16. F. NASR – Sauber Ferrari 1.49.952
  17. J. BUTTON – McLaren Honda 1.50.978
  18. F. ALONSO – McLaren Honda 1.51.420
  19. R. MERHI – Marussia 1.52.948
  20. W. STEVENS – Marussia 1.53.099