F1, CVC tratta la vendita della F1

Bernie Ecclestone ha confermato le trattative per vendere il 35% delle quote in mano al gruppo. Due i potenziali acquirenti, forse da Usa e Cina.

F1, CVC tratta la vendita della F1
Bernie Ecclestone

Si fanno sempre più insistenti le voci di vendita da parte della CVC Capital Partners. Il gruppo di investimenti globale, proprietario del 35% dei diritti commerciali della Formula 1, potrebbe cedere le proprie quote a breve: interessamenti concreti sono giunti, pare, da Stati Uniti e Cina.

Sollecitato sul tema, il boss della F1 Bernie Ecclestone ha confermato che ci sono trattative in corso. “Penso che prima o poi la CVC prenderà una decisione sulla vendita - ha detto Mister E al The Mail on Sunday -. Ci sono alcune persone interessate ad acquistare, anzi, con due è già stato concordato un prezzo. Ora dipende tutto dalla volontà della CVC, se vorrà vendere o meno”.

L’eventuale cambio di mano giungerebbe tra l’altro in un momento delicato per il Circus, in balia di un’instabilità normativa che lo sta portando alla deriva. Il pubblico fugge, Monza è alla porta, proliferano i ‘tilkodromi’ nel deserto e regolamenti che faticano a durare per due gran premi di fila. 

L’abbandono della CVC sarà finalmente la svolta? “Non si può sapere se e come cambierà la Formula 1 fino a quando qualcuno non acquista. Prima è impossibile prevedere come si comporterà”, l’opinione di Big Bernie.

Nel frattempo si è fatta avanti anche Las Vegas, che vorrebbe riospitare un gp dopo le edizioni del 1981 e 1982 corse sul Circuito del Caesars Palace (e vinte, per la cronaca, da Alan Jones e dal nostro Michele Alboreto). Ma Ecclestone frena: “Abbiamo 21 gare in questo momento. Se ne potrebbero anche fare di più, ma non credo che succederà. Sono abbastanza ed i ragazzi delle squadre sono davvero stanchi, anche se andare a Las Vegas sarebbe super”.