Monaco, la rabbia di Ricciardo: “Sono stato fregato per due weekend consecutivi”

Grande delusione per il pilota Red Bull, che per un errore dei box si è visto privare della vittoria a Montecarlo. Daniel Ricciardo non nasconde la sua rabbia, arrivano le scuse della squadra.

Monaco, la rabbia di Ricciardo: “Sono stato fregato per due weekend consecutivi”
Daniel Ricciardo | foto: Formula 1

Doveva essere il suo weekend, la sua gara. Daniel Ricciardo, che a Monaco aveva conquistato sabato la sua prima pole position in carriera, aveva tutte le carte in regola per vincere. Interrompere il dominio Mercedes (qui Rosberg ha vinto per tre anni consecutivi), ristabilire le gerarchie in Red Bull dopo il trionfo di Verstappen a Barcellona e ritrovare il gradino più alto del podio dopo la delusione di due settimane fa proprio al Montmeló: Ricciardo voleva e poteva. Ma un clamoroso errore della squadra al pit lo ha privato di una molto probabile vittoria.

Non sorride Ricciardo, che per la seconda gara consecutiva non riesce ad ottenere quello che è alla sua portata e non per causa sua. Il capolavoro che stava costruendo tra le insidiose curve monegasche è stato vanificato al 32° giro. L’australiano, in testa, è rientrato ai box, ma le gomme non erano pronte. Si è perso così molto tempo e Lewis Hamilton è passato agevolmente al comando, tagliando poi il traguardo davanti a tutti. L’errore è costato caro a Ricciardo e all’intera squadra, che ha così sprecato un’occasione, privandosi di una vittoria prestigiosa sotto molti aspetti.

Il pit stop che è costato la vittoria a Ricciardo | foto: Formula 1
Il pit stop che è costato la vittoria a Ricciardo | foto: Formula 1

Infuriato con il box, il pilota di Perth non lo nasconde e ai microfoni esprime il suo disappunto: “Non mi va nemmeno di parlare della gara ad essere sincero. Voglio comunque ringraziare i fan, che sono rimasti qui nonostante la pioggia. Penso che da fuori sia stato uno spettacolo entusiasmante, ma per me non è stato così emozionante sinceramente. Sono stato fregato per due weekend consecutivi e questo fa male. Non ho la più pallida idea di cosa sia successo, sono stato chiamato ai box, non sono stato io ad averlo chiesto. Sono stato chiamato. Avrebbero dovuto essere pronti. Fa male, fa male…ma non ho nient’altro da dire”.

I presupposti per vincere dunque c’erano, lo si era capito già dall’inizio del weekend, in cui Ricciardo aveva dimostrato di avere qualcosa in più rispetto anche alle più favorite Mercedes: “Penso che fossimo veloci anche sul bagnato in partenza, infatti sono riuscito a prendere margine. Poi siamo entrati ai box per mettere le intermedie e ci siamo messi a battagliare con Lewis, cosa che non doveva succedere. Successivamente c’è stato il pit stop che è stato proprio uno stop. Sentivo che ero il più veloce in tutte le condizioni, ma sento che la seconda posizione non rispecchia quello che potevamo fare”.

La delusione di Daniel Ricciardo è evidente e Helmut Marko chiede scusa: “Sfortunatamente c’è stato un fraintendimento e non c’è stata una comunicazione corretta. Comunque indagheremo sull’episodio per capire bene cosa sia successo, ma è stato un errore umano. Ci dispiace veramente tanto per Ricciardo, possiamo solo chiedergli scusa”.