Hamilton trionfa in Ungheria e vola in testa alla classifica

L'inglese costruisce la vittoria con il sorpasso alla partenza sul suo compagno di squadra e riesce a mantenere la testa della corsa fino alla fine, nonostante il ritorno di Rosberg nel finale. Il tedesco chiude 2° davanti a Ricciardo. Ferrari 4° con Vettel e 6° con Raikkonen dopo una bellissima rimonta.

Hamilton trionfa in Ungheria e vola in testa alla classifica
Lewis Hamilton vince anche il GP d'Ungheria (photo by Sky Sports F1)

Lewis Hamilton trionfa anche in Ungheria e porta a casa la terza vittoria consecutiva che lo porta in testa alla classifica per la prima volta in questa stagione. L'inglese ha costruito la sua vittoria alla prima curva, quando è riuscito a superare il suo compagno di squadra e poi ha saputo resistere alla sua rimonta. Rosberg deve accontentarsi del 2° posto davanti a Daniel Ricciardo che, nel finale, è riuscito a tenere dietro un arrembante Vettel. Le Ferrari chiudono 4° con il tedesco e 6° con Raikkonen, dopo una bellissima rimonta dalla 14° posizione che si è dovuta fermare alle spalle di Verstappen, con qualche polemica per le manovre difensive dell'olandese.

Al semaforo verde Rosberg non riesce a mantenere la prima posizione e alla prima curva Hamilton prende la testa della corsa. Buona anche la partenza delle due Red Bull che insidiano le Mercedes: Ricciardo alla prima curva va all'esterno e dapprima supera Rosberg, ma poi deve riaccodarsi in 3° posizione. Hamilton inizia fin da subito a girare su tempi record, ma anche Rosberg riesce a replicare con le stesse prestazioni. Nel corso del 5° giro Button si lamenta per un problema al pedale e perde così molte posizioni, ritrovandosi ultimo dopo aver effettuato anche il pit stop e dovendo pagare con un ride through una comunicazione radio non permessa nei giri precedenti.

Kimi Raikkonen, intanto, partito in 14° posizione con le gomme Soft, nei primi giri riesce a risalire in 11° posizione ma deve poi accodarsi a Grosjean. Quando arriva il 14° giro Vettel rientra ai box per montare le gomme Soft e rientra in pista davanti al suo compagno di squadra, nel giro successivo si ferma anche Ricciardo che rientra in pista in 6° posizione davanti alla Ferrari numero 5. Nel giro 16° tornano ai box anche Hamilton e Verstappen e nella tornata successiva effettua la sosta anche Rosberg. In pista, intanto, Verstappen cerca subito l'attacco su Kimi Raikkonen, ma il finlandese resiste con una bella manovra di potenza

Dopo il primo turno di soste, quindi, le classifica dei primi rimane invariata, tranne per Verstappen che ha perso la posizione su Vettel, ora 4°, e deve lottare con l'altro ferrarista che deve ancora effettuare la sosta. Tra Hamilton e Rosberg, intanto, il distacco è diminuito e il tedesco si fa minaccioso alle spalle del suo compagno di squadra. Nel corso del 23° giro Vettel riceve un'ammonizione da parte della direzione gara per essere andato oltre i limiti della pista, mentre Raikkonen con le gomme Soft della partenza non ha ancora effettuato il pit e tiene alle sue spalle Verstappen. I tempi del finlandese con sono rimasti buoni fino al 24° giro, mentre da quel momento in avanti hanno iniziato ad alzarsi. Il finlandese torna ai box nel corso del 30° giro e monta gomme Super Soft rientrando in 7° posizione alle spalle di Alonso, ma nel giro successivo riesce subito a superare lo spagnolo con un bell'incrocio di traiettorie alla curva 1 e inizia a far segnare tempi record. 

Siamo nel corso del 34° giro quando Ricciardo fa iniziare il secondo turno di soste e dopo aver montato un nuovo set di Soft torna in pista davanti a Raikkonen, mentre Verstappen aspetta il giro 38 e dopo aver effettuato la sosta riparte alle spalle del finlandese. Nel corso del 42° e 43° giro arriva anche la sosta per i primi tre: inizia Hamilton, seguito poi da Vettel e Rosberg e tutti e tre continuano con le gomme Soft. Raikkonen, intanto, è l'unico che riesce a girare sui tempi di Rosberg, il più veloce in pista, anche se monta gomme Super Soft che hanno ormai quasi venti giri.

Il finlandese si ferma nel corso del 51° giro e, dopo aver montato ancora un set di Super Soft, torna in pista in 6° posizione staccato di circa 7'' da Verstappen, ma in pochi giri arriva alle sue spalle. Nel corso del 57° giro Raikkonen tenta il sorpasso, ma il pilota della Red Bull cambia traiettoria più di una volta e il finlandese finisce per toccarlo e danneggia così l'ala anteriore della sua monoposto, ma il ferrarista riesce a proseguire. Negli ultimi giri, intanto, nelle prime posizioni si accendono altri due duelli: Hamilton contro Rosberg per la vittoria e Ricciardo contro Vettel per la 3° posizione, mentre Button è costretto al ritiro per un problema al motore sulla sua McLaren.

Le cose, però, non cambiano e sotto la bamdiera a scacchi Lewis Hamilton può finalmente festeggiare la terza vittoria consecutiva. Alle sue spalle chiudono Nico Rosberg, staccato di 1''9 e Ricciardo a 28'' che riesce a resistere al pressing finale di Vettel. Anche Raikkonen, che si lamenta più volte per la strategia di difesa di Verstappen, non riesce a portare a termine il sorpasso e deve accontentarsi della 6° posizione, chiudendo così una bellissima rimonta. La Ferrari ha segnalato alla direzione gara il comportamento della Red Bull, ma i commissari non hanno ritenuto il suo comportamento tale da meritare una penalità. Solo i primi sei hanno terminato la gara a pieni giri, mentre tutti gli altri sono finiti doppiati. Fernando Alonso conclude con un buon 7° posto per la McLaren, davanti a Sainz, Bottas e Hulkenberg.

Ordine d'arrivo del GP di Ungheria

1 Lewis Hamilton  Mercedes    1h40m30.115s
2 Nico Rosberg     Mercedes    1.977s
3 Daniel Ricciardo   Red Bull    27.539s
4 Sebastian Vettel    Ferrari    28.213s
5 Max Verstappen    Red Bull    48.659s
6 Kimi Raikkonen    Ferrari    49.044s
7 Fernando Alonso    McLaren     +1 giro
8 Carlos Sainz    Toro Rosso    +1 giro
9 Valtteri Bottas    Williams  +1 giro
10 Nico Hulkenberg   Force India  +1 giro
11 Sergio Perez      Force India   +1 giro
12 Jolyon Palmer   Renault   +1 giro
13 Esteban Gutierrez    Haas   +1 giro
14 Romain Grosjean    Haas  +1 giro
15 Kevin Magnussen   Renault   +1 giro
16 Daniil Kvyat    Toro Rosso   +1 giro
17 Felipe Nasr    Sauber    +1 giro
18 Felipe Massa   Williams  +1 giro
19 Pascal Wehrlein  Manor +2 giri
20 Marcus Ericsson  Sauber  +2 giri
21 Rio Haryanto      Manor    +2 giri

Ritirati

Jenson Button   McLaren

Classifica piloti
1 Lewis Hamilton  192
2 Nico Rosberg    186
3 Daniel Ricciardo  115
4 Kimi Raikkonen  114
5 Sebastian Vettel  110
6 Max Verstappen  100
7 Valtteri Bottas  56
8 Sergio Perez    47
9 Felipe Massa    38
10 Carlos Sainz    30

Classifica costruttori
1 Mercedes  78
2 Ferrari  224
3 Red Bull  223
4 Williams  94
5 Force India  74