F1, GP Giappone - Bottas: "Voglio riscattarmi"

Il finlandese giunge a Suzuka dopo le ultime prestazioni non proprio brillante e ammette: "Periodo difficile"

F1, GP Giappone - Bottas: "Voglio riscattarmi"
F1, GP Giappone - Bottas: "Voglio riscattarmi"

Questa è stata una settimana “particolare” per la Mercedes. Se infatti può dirsi soddisfatta visto che nella l’ultima gara la situazione di classifica è migliorata in direzione di Brixworth, non lo si può certo dire dal punto di visto della competitività della vettura, che nella medesima gara ha dato più di qualche pensiero al board della scuderia della Stella a Tre Punte.

Se Lewis Hamilton prima e Toto Wolff poi hanno rimarcato come a Kuala Lumpur la W08 Hybrid era la terza vettura in pista cronometro alla mano, quello che ha avuto la gara peggiore è stato certamente Valtteri Bottas, il quale oltre a subire il problema cronico del surriscaldamento delle gomme posteriori in condizioni di elevate temperatura dell’asfalto, nella scorsa gara ha visto sulla sua pelle come il particolare pacchetto aerodinamico specifico per il circuito di Sepang non abbia funzionato come doveva, con Niki Lauda che senza mezzi termini ha posto il dubbio sui dati raccolti in galleria del vento. Ma questo periodo non proprio felice è passato anche dalla cattiva prestazione messa in luce durante il fortunoso Gran Premio di Singapore, dove il confronto con il compagno di squadra è stato abbastanza pesante, visto che Hamilton volava a differenza sua.

Il finlandese dunque si presenta nel Sol Levante con la viva intenzione di buttarsi alle spalle le ultime gare, visto che la concorrenza della Red Bull di Daniel Ricciardo per il terzo posto in classifica generale comincia a farsi sentire: “E' un momento difficile, qualcosa è cambiato. Ma sono dettagli e a volte i dettagli fanno la differenza e il pilota non si sente a suo agio. Ma i weekend difficili possono aiutare a migliorare tanto. dobbiamo lavorare tanto con gli ingegneri, ma ho imparato tanto dal weekend della Malesia. E posso imparare tanto anche da Hamilton, soprattutto da uno forte ed esperto come lui”.

Il vincitore di Sochi e Spielberg ha poi risposto alle critiche circa una troppa differenza prestazionale con il pluridecorato compagno di squadra: “Non m'interessa di quello che dice la gente. Io conosco i miei obiettivi. Sono onesto con me stesso e se c'è un piccolo modo per migliorarmi, ci riesco. Sono reduce da gare difficili, soprattutto dalla Malesia. ma ora sono qui e voglio guardare avanti. Parlo di problemi personali? Semplicemente non ero contento e sono onesto”.

Dunque in Conferenza Stampa ci è sembrato di vedere un Valtteri Bottas agguerrito, sarà così anche in gara?