F1 - La power unit di Vettel riammessa per il Texas

La motorizzazione che ha compromesso il Gran Premio del Giappone ed un pezzo di mondiale per Sebastian Vettel è stata ritenuta idonea e prenderà parte nella prossima gara di Austin.

F1 - La power unit di Vettel riammessa per il Texas
F1 - La power unit di Vettel riammessa per il Texas - Ferrari Twitter

Vi avevamo annunciato come i 31 giorni che stiamo vivendo sarebbero stati estremamente decisivi per la corsa al titolo ma non solo. In un mese che si concluderà con il Gran Premio del Messico che si svolgerà tra il 27 e il 29  ottobre, in cui si sono svolti quattro dei venti appuntamenti in calendario del Campionato del Mondo di Formula 1 di quest’anno, c’è stata la mazzata finale per l’obiettivo “grosso” da parte della Ferrari mentre una seria ipoteca da parte della Mercedes.

Lewis Hamilton, che nel prossimo fine settimana in Texas avrà la prima occasione, in caso di vittoria e di un piazzamento dalla sesta posizione in poi di Sebastian Vettel, per avere la matematica certezza del titolo. Una parte di questo incredibile vantaggio accumulato dall’inglese nei confronti del pilota della Ferrari è dovuto, al netto del fattaccio nella partenza del Gran Premio di Singapore, alla mancata affidabilità mostrata dalla SF70H in due appuntamenti cruciali come la Malesia ed il Giappone, in cui nel primo il tedesco ha avuto modo comunque di recuperare in gara imponendo un ritmo eccellente, mentre a Suzuka la vettura numero cinque ha mostrato problemi ben più seri sullo startin grid prima dello spegnimento dei semafori, con il quattro volte campione del mondo costretto al ritiro dopo pochi giri a causa della mancanza di circa 140 CV di potenza.

Del problema accorso alla vettura di Vettel si è parlato e stra-parlato, da ricercarsi in questa dannatissima (per i ferraristi) candela malfunzionante. La notizia da poco giunta in redazione è quella secondo cui a seguito di analisi specifiche sulla power unit della Rossa di Maranello, questa è stata ritenuta idonea per essere montata nel prossimo Gran Premio degli Stati Uniti che avrà luogo nel prossimo fine settimana.

Verrebbe da pensare che è stato un peccato che non abbia funzionato tutto alla perfezione nella terra del Sol Levante, visto che le premesse per vedere un ulteriore duello in pista con Lewis Hamilton stavano già per galvanizzare chi vi scrive, ma così non è stato. In un campionato che sembra aver preso definitivamente la strada di Brixworth, speriamo nella possibilità di vedere gare divertenti, così da terminare un anno parecchio intenso sotto tutti i punti di vista.