Le prime impressioni di Alonso dopo i test per la 24 ore di Daytona

Il pilota spagnolo ha compiuto i primi giri sulla Ligier, queste le sue sensazioni.

Le prime impressioni di Alonso dopo i test per la 24 ore di Daytona
Fonte foto: Twitter Fernando Alonso

E' cominciata l'avventura di Fernando Alonso alla scoperta della 24 ore di Daytona. Tre giorni di test e 60 giri completati dall'ex pilota Ferrari che commenta così: "Il totale dei giri non è eclatante, ma è sempre meglio di niente e la preparazione per la gara è certamente migliore adesso. E' stato un buon week end, nel quale lavorare con i ragazzi, con il team e i miei compagni, entrare nell'ottica della condivisione totale e dell'adattamento e trovare compromessi che andassero bene tra tutti noi, sui quali essere soddisfatti. Era la priorità del week end ed è quel che siamo riusciti a ottenere, è positivo".

Un week-end tutto sommato positivo per Alonso, c'è bisogno di più velocità per stare al passo con i primi: "Si tratta delle fasi iniziali, sono solo test, ma dovremo trovare più velocità e siamo fiduciosi riusciremo a essere più competitivi quando torneremo per la gara. La sorpresa maggiore è stato il poco tempo che passi in macchina, le sessioni non erano molto lunghe e devi dividere la macchina, quindi perdi un po' di tempo a ogni cambio pilota, nelle variazioni dell'assetto e ti ritrovi a fare pochissimi giri, quel che mi è mancato di più nel fine settimana; credo faccia parte del gioco e nella 24 Ore ne accumuleremo di sicuro abbastanza".

Infine, Alonso analizza le fasi "notturne" della competizione: "Non c'è stata grande differenza tra il girare di notte o di giorno. Anche in Formula 1 abbiamo delle gare in notturna in Bahrain, a Singapore e Abu Dhabi. Il circuito è illuminato piuttosto bene, forse non è come altre piste da endurance, non ho trovato problemi e lo stesso può dirsi col traffico, era qualcosa che un po' mi spaventava. Ci sono sempre dei rischi quando superi delle macchine qua e là o se si trovano in lotta, ma è qualcosa di normale che tutti affrontano, non solo noi debuttanti. Dovremo trovarci pronti su questo aspetto anche in gara"