Kubica - Williams, non è finita

Accantonata la possibilità di un rientro da titolare, il polacco si propone alla Williams come supporto ai piloti del team di Grove. Un primo passo per un futuro ritorno?

Kubica - Williams, non è finita
Kubica nei test di Abu Dhabi 2017 - Williams Twitter

Quella tra Robert Kubica e la Williams è una vicenda che per molto tempo ha fatto "sognare" molti appassionati di Formula 1, che vedevano il possibile ritorno del polacco come una sorta di arrivo a valle di una obbligata assenza a causa del grave infortunio del pilota di Cracovia subito nel Rally di Andora nel 2011.

Durante la scorsa stagione, nelle varie sessioni di test messe a disposizione dei team della classe regina, Kubica ha avuto modo di provare diverse volte le vetture del team guidato da Paddy Lowe, con riscontri positivi in termini fisici vista la particolare condizione medica del braccio destro dell'ex pilota Renault. 

Nel mese di dicembre, le voci su una sorta di tira e molla tra le parti in causa ha fatto supporre che ci fosse una assoluta voglia di correre nuovamente in Formula 1, categoria che prima del 2011 vedeva il polacco come qualcuno da tenere sotto osservazione, in particolare dai team di vertice. D'altro canto però la Williams aveva "paura" ad esporsi nei confronti di un pilota che avrebbe potuto riscontrare dei problemi durante il campionato, tanto che ad un certo punto si era parlato di un contratto "gara per gara".

Williams Twitter
Williams Twitter

Ma il tutto si è arenato, e Sergey Sirotkin sembra il favorito per accaparrarsi il sedile da titolare e diventare così compagno di team di Lance Stroll dopo aver sconfitto la concorrenza dello stesso Kubica e di Daniil Kvyat, Paul di Resta e Pascal Wehrlein. Paddy Lowe e compagnia hanno sempre voluto sottolineare come la scelta del compagno di squadra del canadese sarebbe stata basata esclusivamente sulle performance dei piloti e Sirotkin sembra essere emerso per le sue qualità da questo confronto.

Ma non è ancora finita. Infatti pare che le trattative si siano "evolute" circa un ruolo di supporto da parte di Kubica, per aiutare lo sviluppo e la performance della vettura, con la possibilità di poter trascorrere del tempo ulteriore al volante della vettura. Detta molto pragmaticamente, una scelta del genere sembrerebbe sensata da entrambe le parti, con la Williams che potrebbe così contare su un pilota di grande esperienza per supportare una line up decisamente acerba seppur promettente, con Sirotkin (ancora da confermare) sul quale ci sono diverse aspettative e Stroll che dovrebbe essere decisamente migliore rispetto alla stagione di esordio. Il polacco, nel mentre, avrà il tempo per dimostrare di poter tornare a guidare ad alti livelli.

Staremo a vedere, con la speranza di non vedere scivoloni per interposto hashtag da parte di squadre di spessore, come avvenuto in settimana.