MotoGp, le strade di Pedrosa e Honda HRC si separeranno a fine stagione

La casa giapponese ha deciso di non rinnovare il contatto dello spagnolo, che corre con Honda fin dal suo esordio nel Motomondiale nel lontano 2001

MotoGp, le strade di Pedrosa e Honda HRC si separeranno a fine stagione
VAVEL SPAGNA

La notizia è ufficiale: Dani Pedrosa non sarà in sella ad una Honda HRC nella prossima stagione del Mondiale di MotoGp. Lo spagnolo, che ha corso con la casa giapponese per tutta la sua carriera spesa nel Motomondiale, non vedrà il suo contratto rinnovato e dovrà quindi cercarsi una nuova sistemazione per il 2019.

Una carriera, quella di Pedrosa con la Honda, che vanta 3 mondiali vinti (1 in 125 e 2 in 250); passato in MotoGp nel 2006 il pilota spagnolo ha poi colto 31 vittorie e 112 podi nella classe regina. 

Il presidente della Honda Racing CorporationYoshishige Nomura, ha speso parole di elogio per Pedrosa, ringraziandolo per gli anni trascorsi assieme: "Oggi per me è un giorno molto triste; a nome di HRC voglio ringraziare Dani per tutto il suo duro lavoro, e gli voglio esprimere la nostra gratitudine per questi due decenni passati assieme. Gli voglio inoltre augurare ogni futuro e successo per il futuro. Grazie Dani!".

Nel comunicato ufficiale con cui Honda riporta la notizia, ci sono anche le dichiarazioni di Pedrosa, che così parla degli anni passati in HRC: "Voglio ringraziare Honda e HRC per tutti questi anni insieme: sono cresciuto con loro, non solo come piloti, ma come persona. Avrò sempre HRC nel mio cuore e nei miei ricordi, ma nella vita tutti abbiamo bisogno di nuove sfide, ed è quindi giunta l'ora di cambiare".

Pedrosa paga un inizio di Mondiale molto difficile, con risultati altalenanti, molti ritiri e i soliti immancabili problemi fisici che lo hanno limitato. Per il futuro, HRC potrebbe ora rivolgere le sue attenzioni su Lorenzo, alla ricerca di una moto competitiva per la prossima stagione, che andrebbe a formare una super coppia assieme a Marquez. Per Pedrosa invece le selle libere competitive sono poche: Suzuki dovrebbe annunciare Mir nei prossimi giorni, KTM con l'ingaggio di Zarco è coperta così come la Yamaha che ha confermato la coppia Rossi-Vinales per il 2019.