Formula Uno: le pagelle del GP della Cina

voto 10: alle Mercedes che ribadiscono con 3 doppiette di fila che la musica non è cambiata rispetto alla scorsa stagione. La lode se la meritano anche per il doppio pit stop. Un azzardo ma che è servito anche per ribadire la calma e serenità di chi è forte.

Voto 9: condiviso tra Bottas e Hamilton uno per la pole l'altro per la gara dominata. Più di così cosa potevano fare?

Voto 8: ad Albon, a quello che non ti aspetti. L'oggetto sconosciuto proveniente dalla Thailandia tanto che non si capisce bene nemmeno quale sia il suo nome. Fa un botto bello forte nelle libere 3 , niente qualifiche e te lo ritrovi solido a punti.

Voto 7: come la posizione a Daniel Ricciardo che finalmente ritrova un mezzo sorriso che rischiavamo di perdere nella depressione più nera. Certo, abituato ad altro ma si difende bene nella gara degli altri.

Voto 6: Sebastian Vettel, va bene podio ma ha fatto solo il suo. Buono il voto per aver tenuto dietro Verstappen finché l'olandese ne aveva. Poi se quello che si era visto ai test i voti alti sono molto lontani.

voto 5 : alla strategia Ferrari, che cerchino di giustificare o spiegare o sperare che Vettel era più veloce, rovinare la gara di Leclerc nei confronti di Verstappen è stata una scelta quantomeno discutibile.

Voto 4 : Gasly e Giovinazzi che vedono i loro rispettivi compagni di squadra suonargliele ad ogni Gp, la situazione di Gasly considerando il buon Marko è la più preoccupante e Albon c'è. 

Voto 3 : a Danil Kvyat che in un colpo solo fa fuori 2 McLaren un po' come sparare sulla Croce Rossa due volte.

Voto 2 : al Gp  in generale, sorpassi inesistenti,  vista l'ora domenicale di inizio i caffè ci sono voluti tutti.

VAVEL Logo