Jorge Lorenzo resta in Yamaha anche nel 2016: “Sono grato per la fiducia”

Yamaha e Jorge Lorenzo rinnovano il loro rapporto, con un contratto valido fino alla fine del 2016. A confermalo è Lin Jarvis, che assicura la fiducia reciproca. Ringrazia Lorenzo, che a Jerez de la Frontera sembra essere tornato il Campione che conosciamo.

Jorge Lorenzo resta in Yamaha anche nel 2016: “Sono grato per la fiducia”
foto: Getty Images

Nei giorni scorsi circolavano voci che davano Jorge Lorenzo vicino alla Ducati. Tutto lasciava pensare ad un imminente addio alla Yamaha, suo attuale team, per intraprendere una nuova avventura, prendendo una nuova strada. Ma la realtà è ben diversa: in quello che sembra il weekend del riscatto, Yamaha e Lorenzo confermano il rinnovo. Ad annunciarlo è stato lo stesso Lin Jarvis, Managing Director di Yamaha Motor Racing: “Posso assicurare che Jorge rimarrà in Yamaha nel 2016. Abbiamo parlato e ci siamo trovati d’accordo. Lui vuole rimanere con noi e noi vogliamo stare con lui”.

Il contratto dello spagnolo, un biennale che prevedeva una clausola di chiusura anticipata del rapporto, è diventato a tutti gli effetti valido fino alla fine del 2016. Con l’annuncio di oggi sono così state messe a tacere le voci che già assicuravano un Lorenzo in partenza dalla casa dei tre diapason, visti anche i problemi delle prime gare. Jorge Lorenzo ha espresso la sua soddisfazione e la gratitudine nei confronti di Yamaha, team nel quale corre dal 2008, anno del suo debutto in MotoGP: “Sono felice del mio rinnovo con Yamaha e grato a questo team per tutto quello che ha fatto per me. Ho sempre detto che il mio sogno è quello di chiudere la mia carriera qui. Ma ora devo pensare a migliorare i risultati, iniziare a vincere e puntare al titolo”.

Il rinnovo con la Casa di Iwata può essere dunque un incentivo per Jorge Lorenzo, che sembra aver iniziato il weekend del Gran Premio di Jerez con il piede giusto. Ha dominato sia il primo che il secondo turno di prove libere e sembra veramente carico e pronto a riscattarsi dopo un avvio di stagione complicato: “Questa prima giornata a Jerez è andata bene. Sono molto contento, ma siamo solo al venerdì. Conterà andare forte il sabato, ma soprattutto la domenica. Oggi ho guidato d’istinto in entrambe le sessioni e questo è importante”.