MotoGP, Lorenzo in testa nel terzo turno di libere a Misano

Il maiorchino della Yamaha stampa il miglior tempo di questi due giorni, al di sotto addirittura del suo record in pole di due anni fa. Completano la top 3 Marc Márquez e Valentino Rossi, ma da sottolineare che ci sono quattro Ducati su cinque nelle prime dieci posizioni.

MotoGP, Lorenzo in testa nel terzo turno di libere a Misano
foto: Getty Images

Sole e temperature attorno ai 23° C accolgono oggi i piloti della MotoGP, impegnati questa mattina nel terzo e più importante turno di prove libere. Jorge Lorenzo conquista il miglior tempo di questa sessione, davanti a Marc Márquez e Valentino Rossi, ma è da sottolineare anche la prestazione di Ducati, con tutti i suoi piloti italiani, compresa la wild card Michele Pirro, che accedono direttamente alla Q2.

Attualmente otterrebbero l'accesso alla Q2 Jorge Lorenzo, Marc Márquez, Dani Pedrosa, Andrea Dovizioso, Valentino Rossi, Pol Espargaró, Danilo Petrucci, Bradley Smith, Michele Pirro e Cal Crutchlow, ma il turno è appena cominciato e la classifica sarà soggetta a qualche cambiamento. Il primo è quello di Iannone, che rientra in top ten conquistando il quinto tempo provvisorio, mentre Pedrosa lima qualcosa dal suo miglior tempo ma rimane comunque in terza piazza. Ma per il pilota italiano c'è ancora qualche guaio tecnico, perché del fumo fuoriuscito dalla sua moto lo costringe a fermarsi a bordo pista ed a tornare al box a piedi. Crutchlow riesce ad abbassare il suo tempo, ma non abbastanza per rientrare in top ten, rimanendo in undicesima posizione. Nel frattempo Pedrosa realizza un gran giro, scavalcando il compagno di squadra e portandosi in seconda posizione ad appena 21 millesimi da Lorenzo, che mantiene la testa della classifica. A circa un quarto d'ora dall'inizio del turno Laverty è protagonista di una scivolata, per fortuna senza conseguenze per il pilota che torna al box sulle sue gambe. Poco dopo finisce a terra anche il pilota di casa De Angelis, che però riesce subito a tornare in pista, mentre si migliora la wild card Pirro, che conquista prima la quinta piazza provvisoria inserendosi tra le due Ducati ufficiali, per poi superarle entrambe e piazzarsi dietro alle due Honda. Viñales riesce ad abbassare il proprio tempo ed ottiene la decima posizione provvisoria, superando Smith, mentre Rossi balza dalla settima alla quarta piazza. Le posizioni rimangono invariate fino ad una decina di minuti dalla fine, quando tutti cercano di migliorarsi per conquistare la top ten. I primi sono Redding ed Aleix Espargaró, che conquistano la settima e la nona posizione provvisoria, mentre Lorenzo con 1:32.192 abbassa il suo tempo di circa mezzo secondo consolidando la sua prima piazza e migliorando circa sette decimi il record della pole position conquistato nel 2013. Rientra tra i primi cinque Smith, ora quinto, a discapito del compagno di squadra che finisce fuori dalla top ten, mentre Márquez è protagonista di un giro molto rapido che gli permette di superare il compagno di squadra e prendersi la seconda posizione. Tornano in top ten anche Pol Espargaró, Petrucci e Crutchlow, con Redding e Dovizioso al momento eliminati, ma il pilota Ducati si migliora ai danni del tester Pirro, che finisce in undicesima posizione provvisoria, mentre rientra tra le prime posizioni anche Iannone.

È Jorge Lorenzo a marcare il miglior tempo di questa sessione, precedendo Marc Márquez ed il compagno di squadra Valentino Rossi. Assieme a loro accedono direttamente alla Q2 Andrea Dovizioso, Dani Pedrosa, Michele Pirro, Bradley Smith, Andrea Iannone, Pol Espargaró e Danilo Petrucci. Per quanto riguarda gli altri italiani, Alex De Angelis e Claudio Corti chiudono la classifica di questa sessione rispettivamente con la ventiquattresima e la ventiseiesima ed ultima posizione.

La classifica:

1 99 Jorge LORENZO SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 291.1 1'32.192 
2 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 290.7 1'32.421 0.229 / 0.229
3 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 290.4 1'32.793 0.601 / 0.372
4 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 297.1 1'32.802 0.610 / 0.009
5 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 293.0 1'32.855 0.663 / 0.053
6 51 Michele PIRRO ITA Ducati Team Ducati 293.2 1'32.930 0.738 / 0.075
7 38 Bradley SMITH GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 291.1 1'32.960 0.768 / 0.030
8 29 Andrea IANNONE ITA Ducati Team Ducati 296.2 1'32.960 0.768
9 44 Pol ESPARGARO SPA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 292.9 1'33.012 0.820 / 0.052
10 9 Danilo PETRUCCI ITA Octo Pramac Racing Ducati 292.3 1'33.013 0.821 / 0.001
11 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda Honda 289.4 1'33.160 0.968 / 0.147
12 41 Aleix ESPARGARO SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 282.4 1'33.195 1.003 / 0.035
13 25 Maverick VIÑALES SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 287.8 1'33.245 1.053 / 0.050
14 45 Scott REDDING GBR EG 0,0 Marc VDS Honda 285.6 1'33.335 1.143 / 0.090
15 68 Yonny HERNANDEZ COL Octo Pramac Racing Ducati 293.0 1'34.170 1.978 / 0.835
16 8 Hector BARBERA SPA Avintia Racing Ducati 289.3 1'34.194 2.002 / 0.024
17 76 Loris BAZ FRA Forward Racing Yamaha Forward 279.5 1'34.265 2.073 / 0.071
18 19 Alvaro BAUTISTA SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 284.6 1'34.337 2.145 / 0.072
19 69 Nicky HAYDEN USA Aspar MotoGP Team Honda 277.4 1'34.430 2.238 / 0.093
20 6 Stefan BRADL GER Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 284.9 1'34.434 2.242 / 0.004
21 43 Jack MILLER AUS LCR Honda Honda 284.4 1'34.497 2.305 / 0.063
22 63 Mike DI MEGLIO FRA Avintia Racing Ducati 286.3 1'34.548 2.356 / 0.051
23 50 Eugene LAVERTY IRL Aspar MotoGP Team Honda 280.7 1'35.441 3.249 / 0.893
24 15 Alex DE ANGELIS RSM E-Motion IodaRacing Team ART 280.4 1'35.791 3.599 / 0.350
25 17 Karel ABRAHAM CZE AB Motoracing Honda 279.5 1'36.016 3.824 / 0.225
26 71 Claudio CORTI ITA Forward Racing Yamaha Forward 280.9 1'36.587 4.395 / 0.571