Challenger San Benedetto - Risultati Day 3

Challenger San Benedetto - Risultati Day 3

Arnaboldi non delude, Giustino di forza, a Vanni il derby Azzurro

simcap22
Simone Cappelli

Terzo giorno di gare alle San Benedetto Tennis Cup, in onda sui campi in terra rossa del Circolo Tennis Maggioni. Programma contenuto quello odierno, con 4 match di singolare, e quattro di doppio.

CENTRALE

Aprono le danze Nikola Milojevic – testa di serie N°1 - ed Andrea Arnaboldi, esattore di Bonzi al primo turno. Sfida intrigante, che vede di fronte due tennisti in grado di variare, giocare di tocco, e proporre gioco. Il serbo è un ottimo colpitore da fondo – soprattutto con il dritto - bravo a spezzare lo scambio, l’azzurro è il solito mancino elegante, rovescio ad una mano, con una sensibilità fuori dal normale. Il primo set è ad appannaggio dell’azzurro, bravo ad essere pungente e meno falloso rispetto al suo dirimpettaio. Arriva il break nel 6° e nell’8° game, termina 62 il parziale iniziale. Milojevic chiama il fisioterapista, resiste due game poi si ritira.

A seguire, sfida tra Johan Sebastien Tatlot e Daniel Elahi Galan Riveros. Due grandi battitori con un dritto al fulmicotone; sono piovuti scambi lunghi, e vari bracci di ferro estenuanti. Match deciso - sia nel primo che nel secondo - da un break. Dopo i primi game maratona, è stato il colombiano a mettere la freccia ed a portare a casa il set iniziale. Nel secondo set, decisivo l'allungo nel 7° gioco. 

Programma serale che vede in campo Luca Vanni - grande servitore, colpitore da fondo con una notevole pesantezza di palla - a Jacopo Berrettini - fratello del più famoso Matteo. La maggiore esperienza del N°197 ATP si fa sentire; break nel 7° gioco e primo set in archivio. Nel secondo la musica non cambia; il break in apertura indirizza il parziale, poi chiuso 63.

CAMPO 3

Una sola sfida sul campo 3, quella tra Tomislav Brkic e Lorenzo Giustino. Sfida tra due tennisti nati e cresciuti sulla terra, a loro agio con le condizioni che questa superficie richiede. Entrambi ottimi con il dritto, entrambi ottimi da fondo campo. Il primo set è dominato dall’azzurro, che strappa il servizio all’avversario per ben due volte. Dopo il 61, arriva l’acuto del bosniaco, che arriva a comandare 41. Giustino recupera il break, e lo trasporta al tie-break. Per 7 punti a 4 trionfa.

VAVEL Logo