ATP Stoccolma: finalmente Sock, Polansky spaventa Shapovalov. Il day3

ATP Stoccolma: finalmente Sock, Polansky spaventa Shapovalov. Il day3

Sock torna al trionfo eliminando il più "anziano" degli Ymer, Shapovalov rischia ma piega Polansky

edoardo-szczesny-viglione
Edoardo Viglione

"La rivalsa delle Next Gen": probabilmente sarebbe questo il modo migliore per descrivere la terza giornata dell'​Intrum Stockholm Open, secondo ed ultimo torneo della stagione che si disputa in Svezia.

Stoccolma, infatti, le giovani promesse del tennis mondiale hanno rispettato i pronostici ed hanno trovato la vittoria. Denis Shapovalov ha rischiato e sicuramente non ha espresso il suo miglior tennis contro il più esperto Peter Polansky. Dal derby della foglia d'acero, però, ne è uscito vincitore il più giovane, autore comunque di una partita non perfetta e ricca di errori, ma che alla fine gli ha portato a stringere la mano al connazionale da trionfante in virtù del 75 al terzo e decisivo set. Il classe 1999 ora dovrà incrociare la racchetta con Ernests Gulbis.

Hyeon Chung, invece, si ritrova a vincere due partite consecutive, situazione che non gli succedeva dal torneo di Winston Salem disputatosi a fine agosto, la settimana prima dell'US Open. Il coreano è bravo a superare senza patemi Denis Kudla, giocatore ostico sulle superfici veloci, e grazie ad un doppio 63 sfiderà il vincente della sfida che vede come protagonisti Fognini e Lacko.

Costretto al terzo set, ma benevolo, anche Stefanos Tsitsipas. Il greco fatica contro John Millman, ma alla fine riesce a spuntarla sull'australiano, autore di un'ottima prova riuscendo agilmente a contenere le accelerazioni del giovane ateniese per poi cambiare l'inerzia dello scambio cercando il vincente. Per il finalista di Toronto dall'altra parte della rete ci sarà il vincitore uscente della partita tra veterani che mette uno contro l'altro Verdasco e Kohlschreiber.

Torna finalmente al trionfo, dopo circa due mesi, Jack Sock, protagonista di una stagione spenta, a dir poco fallimentare. Lo statunitense, con l'aiuto naturale del dritto, riesce a domare il padrone di casa Elias Ymer ed approdare. Oscar Otte e Jurgen Zopp si sono affrontati nuovamente nel giro di tre giorni. L'estone è entrato nel main draw come lucky loser dopo aver perso all'ultimo turno del labirinto delle qualificazioni contro il teutonico, il quale non ha cambiato l'esito del match eliminando nuovamente Zopp.

VAVEL Logo