Us Open 2015, day 9: il programma maschile

Oggi in campo i quarti di finale della parte alta: Tsonga sfida il detentore del titolo Cilic, mentre Lopez è il nuovo ostacolo per Djokovic.

Us Open 2015, day 9: il programma maschile
Us Open 2015, day 9: il programma maschile

Scattano oggi i quarti di finale nel tabellone maschile degli US Open. Si giocano i due match relativi alla parte alta del main draw, con tutti gli occhi degli appassionati puntati su Novak Djokovic, che oggi sfida Feliciano Lopez. L'altro incontro metterà di fronte Marin Cilic e Jo-Wilfried Tsonga.

Scenderanno prima in campo il transalpino, che finalmente torna a ottenere un grande risultato in un torneo del Grand Slam, e il croato, che sta proseguendo senza grossi intoppi il proprio percorso di difesa del titolo conquistato dodici mesi fa. Tsonga è diventato, assieme al solo Roger Federer, l'unico giocatore a non aver ancora perso un set dall'inizio del torneo di Flushing Meadows, spazzando via tutti gli avversari con punteggi chiari ed evidentemente netti, come nel caso del derby francese contro Benoit Paire agli ottavi di finale. Un po' diverso il percorso di Marin Cilic, il quale ha visto prolungare più del dovuto la sua presenza in campo contro Mikhail Kukushkin al terzo turno, mentre Jeremy Chardy ha provato a dare filo da torcere al detentore del titolo, senza però riuscire a stargli dietro più di tanto. Sarà una partita molto interessante, e il peso della posta in palio potrebbe inficiare lo spettacolo.

Nell'ultimo incontro del giorno all'Arthur Ashe Stadium, Novak Djokovic proseguirà la propria corsa agli US Open. Aver perso il secondo set della sfida degli ottavi contro Roberto Bautista Agut non ha rovinato l'umore del giocatore serbo, il quale confida nelle sue ottime condizioni fisiche per rendere non troppo duratura la sua presenza in campo ai quarti di finale. Discorso diverso vale per Feliciano Lopez, il quale approda a questo match chiaramente da sfavorito, ma con una fiducia nei propri mezzi in costante ascesa. Le nette vittorie ottenute contro Milos Raonic e il nostro Fabio Fognini hanno restituito confidenza al giocatore spagnolo, il quale confida nella possibilità di fare uno scherzetto al numero 1 al mondo, anche se potrebbe essere consapevole di non avere grosse chances.