Us Open 2015, Djokovic trema ma batte Lopez

Il serbo perde un altro set, e in generale non sembra al 100% della condizione. Lo spagnolo prova ad approfittarne, ma deve arrendersi.

Us Open 2015, Djokovic trema ma batte Lopez
Us Open 2015, Djokovic trema ma batte Lopez

Novak Djokovic, seppur un po' in affanno, raggiunge le semifinali dell'edizione 2015 degli US Open. Ad arrendersi al cospetto del numero 1 al mondo è lo spagnolo Feliciano Lopez, il quale ha provato a tenere testa al giocatore serbo, ma ha dovuto arrendersi in tre set.

La partenza di Djokovic è furibonda, con due break consecutivi in avvio e una striscia di cinque giochi consecutivi, che di fatto indirizza il primo set. Lopez non è ancora sceso in campo, quando il serbo ha praticamente già messo le mani sul parziale, chiuso in pochissimi minuti con il punteggio di 6-1. La sveglia suona per lo spagnolo all'inizio del secondo set, con il break in apertura che fa capire che l'impegno del numero 1 al mondo sarà più duro del previsto. Anche perchè Djokovic non riesce a reagire subito a questo inizio aggressivo di set da parte del numero 18 del seeding, il quale non concede palle-break fino al nono game: qui Feliciano è bravo ad annullarne una, per poi involarsi verso la chiusura del set, con il punteggio di 6-3.

Come nei due set precedenti, arriva un break in apertura di terzo parziale: stavolta è Djokovic a conquistarlo. Il serbo riprende confidenza con il proprio servizio, tornando a vantare percentuali degne di un numero 1 al mondo, mentre Lopez torna ad arrancare leggermente, pur non arrendendosi all'idea di perdere il set. Lo spagnolo prova a rifarsi avanti, ma spreca due palle-break nel settimo game: è forse l'ultima speranza per Feliciano per farsi sotto ed evitare la sconfitta in questo parziale, portato a casa da Nole con il punteggio di 6-3.

Il quarto set è durissimo per entrambi i giocatori, con Djokovic che decide di tentare subito la fuga ma Lopez non glielo consente. Lo spagnolo è il primo a procurarsi una palla-break, nel sesto gioco, ma il serbo è bravo a smorzare subito gli entusiasmi del suo rivale, anche se in tutto il quarto parziale non riuscirà a costruirsi nemmeno un'occasione per strappare il servizio a Feliciano. Si arriva, dunque, al tie-break, che certamente è un pericolo per Djokovic, ma che si rivela un game a senso unico: Nole lo chiude sul 7-2 e vola in semifinale, dove incontrerà Marin Cilic.