Australian Open 2016, Djokovic trema ma passa su Simon

Il serbo non gioca una buona partita, e dall'altra parte della rete trova un transalpino che vende cara la pelle ma crolla nel quinto set.

Australian Open 2016, Djokovic trema ma passa su Simon
Australian Open 2016, Djokovic trema ma passa su Simon

Novak Djokovic rischia, soffre ma alla fine riesce a superare Gilles Simon e a trovare posto nei quarti di finale dell'edizione 2016 degli Australian Open. Il tennista serbo è sempre andato in vantaggio, salvo poi farsi rimontare dal francese che non ha mollato, fino alla fase decisiva del quinto set, in cui le maggior energie fisiche del numero 1 al mondo hanno avuto la meglio sulla grinta del transalpino.

L'inizio sembra promettere bene per Djokovic, che strappa la battuta a Simon nel quarto game ma subisce l'immediato contro-break, e qui si capisce che la partita non sarà affatto facile. Tuttavia, il serbo sfodera i muscoli e nel momento decisivo, dopo aver annullato altre quattro palle-break, ne effettua uno a propria volta nell'ottavo game, e dopo aver salvato ancora il proprio servizio dagli attacchi del transalpino, chiude sul punteggio di 6-3. Nel secondo parziale vige l'equilibrio più assoluto, con Simon che si dimostra molto solito e annulla palle-break in serie a un Djokovic che sembra quasi indispettito dall'ottima difesa del suo rivale: sono tre le chances annullate al serbo nel terzo game, più altre sei nel nono game. Il francese continua a difendersi in maniera strenua anche nel dodicesimo gioco, quello che porta al tie-break: e qui Simon sorprende ancor di più Djokovic, il quale gioca molto male e cede per 7-1.

Il pubblico di Melbourne assiste irretito a una prova non eccezionale di Djokovic, il quale parte forte nel terzo set e vola subito sul 3-0, ma è costretto ancora una volta con un Simon straordinario, che restituisce il break e pareggia sul 3-3, mettendo a nudo qualche limite sul piano mentale del serbo. Il set prosegue poi sui binari dell'equilibrio, il transalpino non concede più nulla e sembra clamorosamente in controllo del ritmo di gioco, ma Nole tira fuori gli artigli e nel decimo game ottiene il break che vale il 6-4, con un'esultanza che non avrebbe mai tirato fuori in un quarto turno di uno Slam. Nel quarto set è Simon a partire con il coltello tra i denti e a minacciare il servizio di Djokovic: cinque le palle-break sprecate dal francese nei primi due turni in risposta. In ogni caso, il serbo continua a non avere la padronanza della partita, mentre il suo avversario continua a crescere e mette in scena ciò che nessuno si aspetta: break nel nono game e chiusura del quarto set sul 6-4 per un Simon, che però sembra aver speso tantissimo. E questo inevitabile calo fisico condiziona tutto lo svolgimento del quinto set, con il francese che prova a reggere in avvio, salvo poi crollare. Djokovic così ha finalmente buon gioco e ottiene due break, nel quarto e nel sesto gioco, e non basta il servizio strappato nel settimo game a Simon per evitare il tracollo, con il punteggio di 6-3.