US Open 2017 - Federer affronta Youzhny

Lo svizzero parte ampiamente favorito, terzo match sull'Arthur Ashe.

Secondo impegno americano per Roger Federer. Terzo match sull'Arthur Ashe, nella serata italiana, al termine del confronto tra Pliskova e Gibbs, lo svizzero gioca con Mikhail Youzhny. Federer detiene senza dubbio i favori del pronostico, in virtù di una stagione ricca di successi e di un passato a senso unico con il tennista russo. Due giocatori esperti - Youzhny è un classe '82 - ormai nell'ultima fase di carriera, di fronte per la diciassettesima volta. Il bilancio, netto, dice 16-0 Roger, con otto incontri disputati sul cemento. Nessuna fermata a Flushing Meadows, ma poco cambia. Youzhny ha colpi interessanti, è un tennista di comprovato talento, ma non ha le armi per disinnescare Federer, in generale e soprattutto in un contesto veloce. L'ultimo match tra i due risale al 2015, a Dubai 63 61 Federer. Curiosità, cinque le partite a Dubai tra Roger e Mikhail. 

Youzhny non vive la fase migliore della sua carriera. Tre tornei su terra e repentina eliminazione, poco meglio sul cemento di recente. A Montreal, rientro da LL nel tabellone principale e KO con Coric, a Cincinnati buon percorso di qualificazione - W con Gulbis - ma disco rosso con Ramos Vinolas. Diverso il discorso per Federer. Come accennato prima dell'esordio, stagione regale dello svizzero, a caccia della prima posizione mondiale e del 20^ Slam. A Montreal, finale amara con A.Zverev, complicazioni fisiche a limitare l'incedere del campionissimo. 

Proprio la forma fisica è l'ago della bilancia, non tanto per la partita odierna, quanto per l'intero cammino dello svizzero. I cinque set con Tiafoe, aldilà delle parole di fiducia di Roger al termine, non schiariscono l'orizzonte. Un Federer attento a non esagerare, lucido nel limitare le scorribande e le estreme rincorse. Sembra voler entrare in punta di piedi, senza chiedere tutto e subito. Un controllo della situazione assoluto. 

L'uscita di scena di Kyrgios apre uno spiraglio nella porzione di tabellone di Federer. Feliciano Lopez è l'unica reale insidia prima dei quarti, prima di un possibile duello con Thiem.