Miami: forfait di Federer ma Del Potro non ne approfitta. Vincono Djokovic e Ferrer, esce di scena Zverev

Lo svizzero è costretto a posticipare ancora il suo rientro in campo a causa di un virus influenzale ma Del Potro, nuovamente dolorante al polso, cede in due set al ripescato Zeballos. Bene lo spagnolo e il serbo, mentre il gioiellino tedesco cede a Johnson.

Miami: forfait di Federer ma Del Potro non ne approfitta. Vincono Djokovic e Ferrer, esce di scena Zverev
Master 1000 Miami: forfait di Federer ma Del Potro non ne approfitta. Vincono Djokovic e Ferrer, esce di scena Zverev

Giornata ricca di colpi di scena quella che si è conclusa da poche ore a Miami, caratterizzata soprattutto dal "caso" Federer.

L'elvetico, atteso al suo rientro in campo dopo l'operazione al menisco, ha dato forfait circa un'ora prima dell'inizio del suo match che lo vedeva opposto a Del Potro: il motivo, spiegato anche successivamente dall'elvetico, è un virus influenzale che lo ha colpito poco dopo il suo arrivo in Florida e, nonostante abbia provato fino all'ultimo, non è riuscito a presentarsi all'esordio del torneo. Spazio dunque al lucky loser Zeballos che, di fatto, è diventato il vero protagonista di giornata visto che con un doppio 6-4 ha eliminato Del Potro in meno di un'ora e mezzo di gioco. Come se non bastasse, il nativo di Tandil è apparso molto sofferente in campo, nuovamente al polso sinistro, tanto da costringerlo al Medical Time-Out all'inizio del secondo set.

Nessuna sorpresa, invece, per quanto riguarda Nole Djokovic: il serbo, a differenza di quanto fatto in California settimana scorsa, ha avuto un esordio migliore contro il giovane britannico Edmund e si è imposto facilmente con un doppio 6-3. Si ferma al secondo turno il cammino di Alexander Zverev: il tedesco, infatti, non riesce a ripetere la splendida settimana californiana e, dopo aver battuto a fatica al primo turno Mmoh, cade per mano di un altro statunitense, Steve Johnson, con un doppio tie-break.

Non tradiscono le attese, invece, Thiem, vincitore su Groth per 7-5 6-2, e David Ferrer che aveva il compito per niente semplice di placare l'entusiasmo del giovane Fritz davanti al suo pubblico: dopo un primo set combattuto e conclusosi al tie-break (vinto dallo spagnolo), il secondo si decide di fatto nei primi game quando lo spagnolo strappa il servizio allo statunitense e chiude 7-6 6-1 in un'ora e quarantasette di gioco. 

Giornata che ha visto tra i protagonisti anche i giocatori francesi: Paire, ventesimo favorito del seeding, ha superato Youzhny per 6-3 6-4 così come Simon ha avuto facilmente la meglio su Monaco per 7-5 6-1 mentre, a sorpresa, Pouille ha eliminato la trentaduesima testa di serie Garcia Lopez con il punteggio di 6-2 6-4. Eccetto Verdasco, vincitore contro Chardy, escono di scena anche altri giocatori iberici quali Feliciano Lopez e Granollers rispettivamente contro, rispettivamente, Nishioka e Goffin.

Infine, detto di Berdych che ha approfittato del ritiro di Ram per accedere direttamente al turno successivo, da registrare il facile successo di Cilic su Lajovic per 6-4 6-1 mentre le due maratone della giornata sono state vinte da Sousa contro Pospisil e da Troicki contro Cervantes.