Australian Open, Day 3 - Nadal e Dimitrov, spunta Seppi

Shapovalov - Tsonga illumina la Margaret Court, attesa per Kyrgios e Cilic.

Australian Open, Day 3 - Nadal e Dimitrov, spunta Seppi

Di nuovo parte alta, round two. L'ecatombe di tennisti a stelle a strisce - Isner e Sock su tutti, rispettivamente TDS N°16 e N°8 - e non solo, rafforza ancor di più la corazza colma di speranze dei due duellanti più accreditati: Rafa Nadal e Grigor Dimitrov, i quali hanno una ghiotta chance per fare man bassa e spaccare il tabellone. Impegnato Andreas Seppi in nottata, ostacolo Nishioka. Andiamo, però, a scorporare il tabellone, analizzando i match più importanti.

I due tennisti più attesi sono Nadal e Dimitrov, entrambi piazzati sul campo principale, la Rod Laver Arena. Il maiorchino lucchetta il programma diurno - incrociando la racchetta con L. Mayer; compito facile, l'argentino difficilmente gli creerà problemi - mentre ad attendere il N°3 ATP all'alba della sessione notturna c'è il 22enne McDonald, N°178 della classifica. Anche qui, speranze esigue per l'americano; porte virtualmente chiuse. Margaret Court Arena che presenta un match dalle venature intriganti: Tsonga affronta Shapovalov, scontro che promette spettacolo, colpi, ed estro; risultato aperto ad ogni risultato, favorito Tsonga per le sue peculiarità che risaltano sul ghiaccio. Sullo stesso campo, sintonizzati per lo show di Dolgopolov contro Edben, giustiziere di Isner. L'Hisense Arena, invece, ospita Kyrgios e Cilic. L'idolo aussie affronta un cagnaccio come Triocki, ma i favori del pronostico sono nettamente dalla sua parte, salvo improvvisi colpi di testa; Cilic fronteggia J. Sousa, test tranquillo. Scende in campo anche Rublev - ultimo match sullo Show Court 2, vs Baghdatis - occhi aperti per Ruud - Schwartzman, con il talentino norvegese che potrebbe regalare spettacolo. 

Capitolo azzurri

Un solo azzurro in campo, Andreas Seppi. L'altoatesino, dopo aver superato il talentino francese Moutet, incrocia la racchetta con Nishioka, interessante giovane coreano che certamente ritroveremo a Febbraio in Davis. L'azzurro parte in vantaggio, test importante e non facile.