WTA Pechino, Pennetta e Vinci sconfitte agli ottavi

Le due azzurre vengono sorprese rispettivamente dalla Pavlyuchenkova e dalla Mattek-Sands, che piazzano due grandi colpi e volano ai quarti di finale.

WTA Pechino, Pennetta e Vinci sconfitte agli ottavi
WTA Pechino, Pennetta e Vinci sconfitte agli ottavi

Giornata negativa per le due tenniste azzurre impegnate oggi negli ottavi di finale del China Open, torneo in corso di svolgimento a Pechino. Flavia Pennetta e Roberta Vinci hanno infatti perso i propri match, rispettivamente contro la russa Anastasia Pavlyuchenkova e l'americana Bethanie Mattek-Sands.

Partiamo dalla sfida di Flavia Pennetta, forse un po' sorpresa dall'atteggiamento subito propositivo della sua avversaria. La Pavlyuchenkova prova a sfruttare il momento e strappa il servizio alla brindisina nel quinto game, ma la reazione della numero 1 italiana è molto convincente: break nel sesto e nell'ottavo game per la Pennetta, che va poi a chiudere per 6-3. Nel secondo set c'è grande equilibrio, con le due tenniste che non riescono a far breccia. La Pavlyuchenkova adegua le proprie percentuali al servizio e disinnesca le armi principali della Pennetta, fino a ottenere un break pesantissimo nel decimo game: è il punto che consente alla russa di chiudere sul 6-4 e di portare il match al terzo set. Il moomento positivo della Pavlyuchenkova prosegue anche nel set decisivo, con il break in apertura e con una palla del contro-break annullata. La Pennetta non ci sta, ottiene il tanto agognato contro-break nel quinto game ma è costretta a cedere subito il servizio, crollando fino al 2-5 e non trovando contromisure. Così, la Pavlyuchenkova può chiudere sul 6-3 e piazzare così un discreto scalpo.

Comincia male, invece, il match di Roberta Vinci. La Mattek-Sands, infatti, piazza subito il break e vola sul 3-0 dopo pochi minuti. La tarantina fa fatica ad entrare in partita, visto che l'americana gioca a ritmi sostenuti e dimostra di non soffrire i tocchi liftati della sua avversaria. Nel sesto gioco arriva un altro break in favore della Mattek-Sands, che giocando in maniera sorprendente chide sul 6-1 dopo pochi minuti. Superato lo shock del primo set, la Vinci inizia a macinare gioco, ma per riuscire a portarsi in vantaggio dovrà sudare le proverbiali sette camicie: break nel secondo e nel quarto game per l'azzurra, con in mezzo il punto del momentaneo 1-2 per la Mattek-Sands. Roberta è poi brava a strappare nuovamente il servizio all'americana nel sesto game, e nonostante il timido tentativo di recupero della sua avversaria, con tanto di break nel settimo gioco, la Vinci chiude sul 6-3 e porta il match al terzo set. La sfida si fa avvincente, Roberta annulla due palle-break in avvio e ne spreca altrettante subito dopo, ma poi è costretta a cedere il servizio alla Mattek-Sands nel quarto game. L'americana torna a giocare ad alti livelli, la Vinci non riesce a tenerle testa, complice anche un po' di stanchezza, e dopo aver sprecato due palle del contro-break nel settimo gioco, cede ancora il servizio e consente alla Mattek-Sands di chiudere sul 6-2.